“Oggi parliamo di libri” ricomincia con Sherlock Holmes

Il 3 ottobre (sembra già un secolo fa) ho ricominciato ad andare in onda con Oggi parliamo di libri. A oggi abbiamo fatto più di dieci puntate, quindi sono in ritardissimo con la pubblicazione su YouTube e qui sul blog (approfitto per ringraziare pubblicamente Fabio Figus che mi prepara i file).

Pubblico oggi la puntata su Sherlock Holmes, a breve cercherò di ridurre il ritardo.

Sulla puntata non ho molte osservazioni da fare; avevo segnato un milione di altre cose da dire e mi è finito il tempo, ma quello per me è usuale, purtroppo.

In particolare non ho potuto giustificare particolarmente un’affermazione che potrebbe apparire paradossale, e cioè che le storie di Sherlock Holmes non sono gialli, ma racconti di avventura. In realtà se si leggono in lungo e in largo le raccolte di racconti ci si rende conto che Conan Doyle, all’interno di un quadro costante di riferimento che è quello del famoso metodo scientifico di indagine è spesso più interessato a fornire al pubblico quel che cerca (commozione, raccapriccio, divertimento, esotismo…) che non a proporre e risolvere enigmi: Sherlock Holmes è talvolta un pretesto, o un grimaldello, per mettere in scena quegli elementi di letteratura popolare desiderati dal suo autore.

E a proposito di strumento: mi è finito il tempo mentre leggevo il riassunto delle capacità di Sherlock Holmes stilato dal dottor Watson all’inizio di Uno studio in rosso: lo ripropongo qui per completezza e perché lo trovo sempre molto divertente.

SHERLOCK HOLMES – I suoi limiti

  1. Conoscenza della letteratura – nessuna
  2. Filosofia – nessuna
  3. Astronomia – nessuna
  4. Politica – scarsa
  5. Botanica – Variabile. Esperto di belladonna, oppio e in generale di veleni. Non sa nulla di giardinaggio pratico.
  6. Geologia – Per frequentazione diretta, ma limitata. Distingue a prima vista tipi di terreni diversi gli uni dagli altri. Dopo delle passeggiate mi ha fatto vedere degli schizzi di fango sui pantaloni, e sulla base del loro colore e aspetto mi ha detto in quali parti di Londra si è macchiato.
  7. Chimica – Profonda.
  8. Anatomia – Accurata, ma non sistematica.
  9. Letteratura sensazionalistica – Immensa. Pare conoscere ogni dettaglio di ogni orrore perpetrato in questo secolo.
  10. Suona bene il violino.
  11. È esperto di lotta col bastone, pugilato e scherma.
  12. Ha una buona conoscenza di base della legge inglese.

Dopo aver stilato questa lista Watson è disperato: che professione farà uno che si è accuratamente procurato queste competenze, a prezzo di tali limitazioni? Ma il consulting detective, perbacco.

Durante la puntata abbiamo trasmesso Watching the detectives, di Elvis Costello

Facebook Comments

4 pensieri riguardo ““Oggi parliamo di libri” ricomincia con Sherlock Holmes

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi