Currently browsing category

Merci

Buon ultimo

Ho scoperto da pochissimo il sito di Celeste Barber, una comica australiana che riproduce le foto delle stelline di Instagram… con un tocco di ironia. Sono rimasto un po’ male nello scoprire che in realtà di lei hanno giù parlato sulla rete in decine, in Italia (saranno migliaia nel mondo), ma …

Ti faccio nero, pedone…

Negli Stati Uniti, se sei un nativo americano, nero, ispanico o povero hai più probabilità di essere investito mentre attraversi la strada. Mi devo scusare per il pessimo gioco di parole del titolo: volevo semplicemente raccontarvi che, seguendo l’interesse già mostrato in questo blog per i temi della sicurezza stradale, ho …

A Iglesias. Per la pace

Domenica vado con altri soci di Banca Etica ad Iglesias. Per la pace. O forse, meglio, contro il commercio di armi.L’iniziativa è dello stesso filone di altre iniziative di cui ho già parlato. La riflessione che faccio, casomai, è sulla ricorsività di certe situazioni: negli ultimi anni il tema delle …

I got a gig in Sant’Antioco

Ok, il titolo (che più o meno vuol dire Ho un ingaggio per esibirmi a Sant’Antioco) è in inglese perché parliamo di cose poliglotte. I Fabbricastorie sono stati gentilmente invitati dai bravissimi amici dell’Associazione Iklos a presentare alcuni giochi al festival poliglotta Limbas, che è già in svolgimento dal 25 aprile a …

Da sapere, non solo da vedere

Seguendo un link consigliato da Enrico Ciccu san sono capitato su una pagina del sito CDM (che va immediatamente nelle letture quotidiane) con un articolo su una performance meravigliosa fatta da alcuni studi grafici giapponesi in collaborazione con una compagnia teatrale, lavorando in video mapping, cioè proiettando delle immagini su delle …

La fabbrica delle bugie

Sapete che mi piace Brecht. Stamattina riflettevo sui social e un po’ di cose collegate (compreso l’ignobile starnazzo legato ai confronti fra donne dell’Est e italiane e altri clamorosi casi di fragorosi tonfi dal pero a scoppio ritardato) e mi sono ricordato del vecchio Bertolt: Hollywood Ogni mattina, per guadagnarmi da vivere, vado …

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close