“Il nome della rosa”: libro, radio e cinema

Prima di ogni altra cosa devo ammetterlo: sono un cialtrone. Involontario, magari, ma un cialtrone.

Se sentite la puntata di Oggi parliamo di libri dedicata a Il nome della rosa vi renderete conto che c’è una lunga parte (tra l’altro troppo lunga, tanto che mi ha costretto a tagliare altre cose più importanti) in cui descrivo un episodio del libro.

Peccato che da poco ho cominciato a rileggere il libro – la puntata l’ho fatta a memoria – e ho scoperto con sorpresa che l’episodio citato nel libro, semplicemente, non c’è.

Intendiamoci, il concetto che volevo esprimere è del tutto corretto: Guglielmo da Baskerville è modellato su Sherlock Holmes. Adesso che sto rileggendo Il nome della rosa noto che la sua descrizione fisica è del tutto ricalcata sulle parole di Conan Doyle, quasi parola per parola, e l’episodio del bagno che cito io (e che è, invece, del film) è invece sostituita dall’episodio dell’individuazione del cavallo dell’abate, che peraltro è ancora più sherlockiano.

Devo dire che in questa rilettura che sto facendo la domanda che mi pongo continuamente è se Il nome della rosa sia, diciamo così, logoro o se mantenga tutt’ora una sua freschezza e una sua leggibilità, e la risposta ha indubbiamente a che fare appunto con Sherlock Holmes come modello di Guglielmo e con tutte le altre mille citazioni che Eco infila ne testo (Jorge da Burgos come Borges, per esempio). Forse trent’anni fa l’operazione era sufficientemente innovativa, o in linea con lo zeitgeist postmoderno: oggi certo farebbe sollevare più di un sopracciglio, e probabilmente apparirebbe bolsa. Si potrebbe obiettare che oggi cose del genere le hanno fatte cani e porci, e che non è per questo colpa di Eco, il quale invece realizzava un’innovazione: il problema è che più mi inoltro nella lettura più ho l’impressione che proprio alcune delle cose più tipiche dell’autore, l’erudizione, la capacità mimetica, il giocare coi simboli e con i materiali culturali, di oggi (ieri, cioè 1980) e del medioevo, siano quelle che funzionano meno nel libro – compreso il linguaggio, per esempio. Regge l’intreccio, invece, le caratterizzazioni dei personaggi, la tensione etica e i contrasti fra i caratteri dei protagonisti: non so, però, se questo sia il centro del libro, perlomeno il centro che voleva Eco, e se basti ad assicurargli un posto per la posterità. Vedo che Eco, nelle Postille, fa una petizione a favore del divertimento, dell’autore e del lettore, e certo questa è una dimensione che regge anche oggi: ma mi chiedo se in questa petizione Eco sia del tutto sincero, e se comunque il divertimento non sia soffocato da tutto un accademismo che anche nelle Postille – interessantissime, per carità – occupa pagine su pagine, rispetto al tema del divertimento, a cui ne viene accordata a malapena una.

Una parte di questi dubbi, in realtà, è alimentata dal fatto che recentemente mi è capitato di rivedere casualmente anche il film de Il nome della rosa, e di averne ricavato più di una sorpresa e un senso complessivo di rovesciamento delle aspettative. Ricordavo che il film mi era sembrato, tanti anni fa, molto inferiore al libro per il modo con cui ne sconciava e riduceva la trama fino a renderla incomprensibile e per come ne semplificava e ignorava le tematiche più complesse. Rivedendolo, invece, mi è parso che la trama sia tutto sommato resa in maniera efficace – non era facile tenere lo spettatore attraverso il complesso intreccio di omicidi e di misteri, e abbia comunque una bella tensione drammatica – meno complessa di quella del libro, certo, però avvincente a sufficienza. Quello in cui pecca il film, invece, è nella messa in scena – è un medioevo molto anni ’80, e oggi davvero non si può vedere – e nella discussione delle tematiche religiose, che è piuttosto semplicistica.

Ci sono film tratti da libri che non sono semplicemente trasposizioni, ma recensioni dell’opera da cui sono tratti, e in qualche modo mi sembra che questo sia uno dei casi: a distanza di tempo mi pare che quel che all’epoca sembrava un tradimento de ll nome della rosa fosse invece un prenderne esattamente la misura.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi