On line l’ultimo libro di Enrica Delitala

copertina esecutivaCon molta tempestività l’Istituto Superiore Regionale Etnografico ha messo a disposizione sul suo sito il libro L’Archivio e l’Atlante Demologico Sardo, l’ultimo libro scritto da mia zia Enrica per ripercorrere la storia degli studi demologici sardi,  a partire dal contributo pionieristico e fondativo di Cirese  e lungo il lavoro di anni e anni da parte di un multiforme gruppo di studiosi, fino alla conclusione della parabola e al conferimento all’ISRE dell’archivio dell’Atlante Demologico Sardo e di quello personale di Enrica e di altre studiose.

Il paziente e lungo lavoro di sistemazione dell’Archivio dell’Atlante Demologico Sardo e dei nostri archivi personali fatto da me, da Chiarella Addari Rapallo e da Anna Lecca tra il 2009 e il 2011, ci travolse in un’onda di ricordi; dalle carte, dalle registrazioni, dalle fotografie, riaffiorarono momenti ed aspetti della vita di ciascuna di noi, di molti anni di lavoro in comune, di ricerche promosse e guidate da Cirese. Attraverso i sentieri della memoria e documentazioni varie abbiamo ripercorso la nostra storia, non del tutto inutile, e quella degli anni cagliaritani di Cirese; nasce da qui il testo che segue, allo stesso tempo guida alla consultazione dell’Archivio ADS, contributo alla storia degli studi demologici, omaggio a Cirese.

C’è tutta Enrica in quell’inciso «la nostra storia, non del tutto inutile»: nel leggerlo ho sorriso involontariamente. Penso che in tanti fra i parenti e gli amici avranno piacere di riprendere un dialogo e una frequentazione attraverso queste pagine e quindi segnalo qui sul blog che il testo è liberamente scaricabile in formato .pdf, ma man mano che mi inoltro nella lettura intuisco che sono soprattutto pagine importanti per tanti studiosi di diversi campi disciplinari, una collettività i cui confini forse in questo momento noi familiari non cogliamo fino in fondo.

Archivio e atlante demologico sardo DelitalaQuesta doppia dimensione, personale, affettiva ma anche scientifica e culturale mi ha molto colpito fin dalle prime righe, in cui Enrica ricorda la morte di Cirese nel 2011:

In quei primi giorni di settembre, al termine di periodi di ferie estive che avevano diradato i contatti, la notizia della morte di Cirese colse impreparati tutti noi allievi, diretti e indiretti e di più generazioni. D’improvviso ci sentimmo orfani, privati di una guida e di un punto di riferimento essenziale, ed avvertimmo lo spezzarsi di quel filo che aveva unito, sebbene spesso labilmente, i “ciresiani” e più generalmente i demoetno-antropologi italiani.

Nel momento in cui scriveva l’introduzione di un libro destinato a tracciare il bilancio di un’esperienza Enrica aveva ben presente la morte del maestro. È certo molto doloroso che tocchi a noi prendere in mano il libro nel momento in cui è la morte di Enrica quella che abbiamo acutamente presente.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi