L’amara verità del sindacato, italiano e sardo. Un intervento di Salvatore Cubeddu

Non so più bene se i blogger del lunedì si stiano ancora ritrovando o meno, perché devo essermi perso delle mail o forse non me le mandano, non saprei. Ma vedo che Salvatore Cubeddu ha pubblicato un nuovo articolo indicandomi nella solita catena di siti che si rilanciano a vicenda e quindi lo pubblico anch’io, scusandomi (sarà necessario?) per il ritardo.

Il dissenso politico (nel caso di oggi è più corretto parlare di perplessità) l’ho già segnalato in altri casi: l’articolo di oggi però è molto provocatorio e quindi acquista ulteriore ragione di lettura.

L’articolo, pubblicato originariamente sul sito della Fondazione Sardinia, dovrebbe essere stato condiviso anche sui siti Aladinpensiero, TramasdeamistadeSardegnaSoprattutto, Sportello FormaparisTottusinpari e sui blog di Enrico Lobina, Vito Biolchini e Francesca Madrigali.

L’amara verità del sindacato, italiano e sardo

di Salvatore Cubeddu

 

Susanna Camusso e Matteo RenziLa classe dirigente sarda ora segue chi comanda a Roma. Prima era Torino, Madrid, Barcellona (ma con 150 anni, però, di guerre guerreggiate), Pisa e … via via risalendo nel tempo. Nell’epoca delle grandi organizzazioni burocratiche i funzionari sardi già non contano per ragioni numeriche. Allora devono essere i più bravi a rappresentare gli interessi delle proprie associazioni nazionali (cosiddette, perché non sono altro che le ‘nazionali italiane’, visto che esistono da noi anche le ‘nazionali sarde’) oppure a recitare la lamentela dei sardi ‘sempre sfruttati ed abbandonati’ (sicuramente vero, ma che dovrebbe portarli a ben  altro che a lamentarsi …).

Questo troppo sommario attacco di un articolo che non può essere lungo riguarda i partiti, i sindacati dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori autonomi, gli imprenditori, le associazioni sportive e culturali, tutto l’insieme degli organismi economici, sociali, culturali, politici in senso lato. L’istituzione regionale sarda è il concentrato di questo fenomeno e la sintesi delle sue conseguenze. Ne ho parlato altrove, il residuo antico di questo modello comportamentale è l’organizzazione della chiesa cattolica. In tutte le situazioni si dà una costante: la dirigenza sarda legittima Roma ed i suoi interessi complessivi in Sardegna, ma soprattutto legittima il permanere del proprio potere sui sardi con il richiamo a Roma. I sardi, purtroppo, non stimano né amano la propria classe dirigente: per una serie di motivi che meriterebbero da soli un saggio, che forse sarà  il caso di elaborare.

Oggi all’odg c’è il sindacato, con le conseguenze della manifestazione del milione cgiellino contro il segretario-presidente della sinistra, in una settimana in cui il renzismo ha vissuto la sua prova più difficile. Il sindacato italiano è un grande animale ferito che non vuole né morire né cambiare. Il sindacato sardo, trasformato in un’organizzazione di pubblico impiego concentrato nelle città, alla maniera del terzo mondo, corre in suo aiuto consapevole degli effetti in loco della delegittimazione delle sue centrali ‘nazionali’ (italiane). Si legga con questo significato la pagina de L’Unione Sarda di venerdì scorso.

Il cuore del problema è bene espresso dalla Camusso nell’intervista a Repubblica: «… questo governo non ha alcuna disponibilità a confrontarsi con chi, come i sindacati, rappresenta interessi generali non corporativi». Interessi corporativi sarebbero quelli della Fiat e degli imprenditori, in primis quel Marchionne pupparo del giovane “segretario fiorentino”. Le organizzazioni dei lavoratori dipendenti rappresenterebbero gli interessi generali mentre le altre associazioni – Confindustria e via dicendo dei settori delle imprese, la Coldiretti ed il variegato mondo agricolo, la Confcommercio, le leghe delle cooperative e …. via elencando – sarebbero espressione, secondo la Camusso, di interessi corporativi.

Il silenzio sul tema da parte di queste associazioni sarebbe un dato esso stesso da spiegare, ma stiamo al punto. Perché le organizzazione dei lavoratori dipendenti rappresenterebbero “interessi generali” mentre i sindacati dei lavoratori autonomi (imprenditori, artigiani, coltivatori, professionisti …) esprimerebbero solo “interessi corporativi”? Vediamo: quando un governo, anche (soprattutto se) gestito da partiti di sinistra, intende creare lavoro, quali sarebbero i suoi referenti? Certo, gli investimenti pubblici, qualora le finanze lo permettessero. Ma è soprattutto il lavoro autonomo, anche quando è riunito in cooperative, a risolvere il problema dell’occupazione per chi non ce l’ha e da solo non è in grado di costruirselo.

E allora: perché la Camusso – e, dietro di lei in crescendo, il coro di tutti i personaggi, individui e collettività che si sentono minacciati dalle scelte del governo Renzi – individua nel sindacato dei lavoratori dipendenti il cuore degli “interessi generali”? Per un motivo che viene da lontano, dalla teoria e dalla pratica politica e organizzativa iniziata a metà ‘8oo e proseguita per tutto il secolo seguente: la classe operaia come motore della trasformazione (rivoluzionaria e/o riformista) della società capitalista. In sintesi: per quelle ragioni ideologiche, che la Camusso ed i suoi (dai sindacalisti fino all’ala ex-Pci del partito democratico) non ammetterebbero mai. Ragioni per le quali Renzi li accusa e che intende definitivamente mettere da parte. Sicuramente esagerando nella parole autolesionistiche della “fine del lavoro fisso”, e prestandosi all’interpretazione che lui voglia generalizzare il lavoro precario, piuttosto che intervenire sulla “spontanea” tendenza dell’attuale sistema.

Il sindacato dei lavoratori dipendenti è solo parte della società, questo è il nodo problematico che distingue la sinistra riformista dalla sinistra rivoluzionaria. Anche il sindacato confederale rappresenta interessi di parte, quello dei lavoratori dipendenti, il più variegato possibile, ma sempre in quanto dipendenti. La Cisl e la Uil si staccarono dalla Cgil nel 1950 fondamentalmente su questa linea di parzialità. Ma, in seguito, anche alla loro dirigenza piacque la politicità del sindacato confederale interpretata quale interesse generale. Esso esaltava al massimo, specie nel lungo tempo della decadenza della politica dei partiti, il ruolo della loro dirigenza. Per quasi quarant’anni un segretario generale viveva il proprio ruolo quasi nel rango di ministro della repubblica. Raffaele Bonanni giustifica il suo ultimo stipendio da 336 mila euro come si trattasse di (e considerando se stesso) un alto commis dello stato più che il rappresentante di lavoratori dipendenti e pensionati dallo stipendio minimo. Si difende: «… La mia pensione netta ammonta a 5.122 euro mensili, dopo 47 anni di regolari contributi e frutto del calcolo sugli ultimi dieci anni di versamenti. Questa è l’unica cifra vera. Tutto il resto sono illazioni farneticanti. È certamente una pensione in linea con quella di chi ha ricoperto importanti incarichi nelle varie attività politiche e sindacali, soprattutto dopo 47 anni di contribuzione». Si stupisce della nostra meraviglia, lui che, con gli altri “generali”, parlava e decideva con il Presidente del Consiglio, sintesi degli interessi generali dello stato, E non con la “parzialità” del singolo ministro.

Analogo discorso, cambiati il contesto e le dimensioni, va fatto per il sindacato confederale in Sardegna, sia per quanto riguarda l’esclusività del rapporto con il Presidente della Giunta sia per quanto concerne il lignaggio al livello assessoriale. Anche da noi era stato creato quel “cimitero degli elefanti” costituito dal Crel (il sardo Cnel, in abolizione a Roma). Tutto si tiene e tutto si perde, quindi?

Quanto – tantissimo – è successo in Italia negli ultimi dieci giorni è il rivelarsi e l’assestarsi di processi che vengono da lontano. Il sindacato italiano conserva il suo ruolo fondamentale nella difesa degli interessi dei lavoratori e del sistema democratico anche se i suoi sommi dirigenti perderanno quella patina di autorità (che non necessariamente coincide con l’autorevolezza) che è solo un dato transeunte e il probabile elemento di impaccio per nuove definizioni del suo ruolo.

Meno facile sarà al sindacato sardo farsi una ragione della sua debolezza e ridefinirsi rispetto alla specificità “nazionale” della Sardegna. Che è l’unica risorsa per non diventare sempre più “piccolino” e marginale.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi