Un giallo sentimentale che è quasi un drammone

Nota: qualche minima anticipazione sulla trama.

Il passato (Asghar Farhadi, Francia-Italia-Iran 2013)

Ahmad torna a Parigi dall’Iran dopo quattro anni: deve firmare le pratiche che renderanno definitivo il suo divorzio da Marie. La donna nel frattempo si è legata a un nuovo compagno ma la sua vita è complicata e conflittuale, soprattutto nel rapporto con le figlie – nate da un precedente legame – e con Fouad, il figlio che il nuovo compagno ha avuto dalla precedente moglie: così Marie combina le cose in modo che Ahmad abiti per qualche giorno con loro, anziché in albergo, nella speranza che almeno lui riesca a capire quali sono i tormenti che agitano le figlie, in particolare la maggiore, Lucie.

Il passato è un film abbastanza seccamente diviso in due parti. Nella prima l’angolo visuale è quello di Ahmad: il quale conosce già quasi tutti i componenti della famiglia – e Fouad e il padre non sono, a prima vista, difficili da capire a partire da zero – ma fronteggia un intervallo di quattro anni in cui questo interno domestico è andato avanti senza di lui e ha trovato nuovi e precari equilibri. Accompagnando Ahmad lo spettatore entra con lui in questo tentativo di dipanare un passato prossimo rispetto al quale è – scusate la battuta che ricama sul titolo – in un passato remoto: una sorta di investigazione dei sentimenti nella quale man mano i personaggi, le loro relazioni reciproche e, diciamo pure, i loro segreti vengono rivelati, modificando continuamente la percezione dei torti e delle ragioni. Fa da sfondo a questo viaggio di rivelazione progressiva una Parigi mai così spoglia, fredda e respingente: quasi una premonizione che non c’è posto qui per Ahmad, uomo del sole, delle relazioni aperte e delle rivelazioni.

Finché al povero Ahmad in un certo senso la vicenda esplode in mano con l’ultima, dolorosissima scoperta. A questo punto il film lo abbandona (ricomparirà solo brevemente alla fine), abbandona anche il tema investigativo-sentimentale per diventare, in un certo senso, investigativo e basta, e diventa direttamente il dramma di Marie e di Samir che devono fare i conti con ciò che comporta nelle loro vite il segreto che è stato portato alla luce. Qui il film si merita il suo titolo in modo diverso che nella prima parte: il passato non è più terra sconosciuta da esplorare ma peso da portare e peccato collettivo – vedo che a Cannes il film ha vinto il premio della giuria ecumenica – con cui fare i conti. Marie e Samir faranno la loro scelta, forse l’unica possibile: Farhadi – anche autore della sceneggiatura – non giudica, non fa calare dall’alto il suo pensiero, anche se forse qualche piccolo dubbio – chissà – gli rimane, e certamente rimane allo spettatore.

Mi rendo conto, adesso che scrivo, che in qualche modo Ahmad è figura di Farhadi stesso, il suo strumento per mettere a nudo la tragedia che cova nascosta, e che una volta portatala alla luce deve scomparire dalla scena, mettersi da parte così come lo stesso regista si mette da parte, limitandosi a registrare partecipe le decisioni degli altri personaggi; detto così posso rivalutare anche la sensazione che ho avuto durante la visione che la cesura fra la prima e la seconda parte fosse troppo brusca e il tono della parte finale troppo melodrammatico: nel ricordo mi rendo conto che questi difetti sfumano e si ricompongono in maniera più armoniosa.

Bravissimi gli attori.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=rX50FKlIvLA]

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi