Mi espongo alla berlina: elezioni regionali

Ai bei vecchi tempi di it.arti.cinema si usava il tag “miespongoallaberlina” per introdurre post in cui si lodavano film universalmente considerati brutti o si facevano altre cose estremamente imprudenti.

Lo metto come titolo a questo articolo perché sto per fare una cosa che davvero non si dovrebbe fare: commentare i risultati elettorali senza avere alcun titolo professionale che lo giustifichi, cosa che espone sempre al trombonismo e oltretutto rischia di urtare un po’ di suscettibilità, soprattutto nei perdenti. Ma ho bisogno di fissare un po’ di cose nella memoria e, come al solito, non mi dispiacerebbe trovare qualcuno con cui intavolare una discussione.

E quindi, ecco a voi. L’ho scritto ieri a risultati in evoluzione, in maniera ondivaga, elencando chi ha vinto e chi ha perso – ovviamente secondo il mio limitato punto di vista – e l’ho poi rivisto pochissimo.

Chi ha vinto e chi ha perso alle elezioni regionali

Prima di tutto, anche se sembra banale, ha vinto Francesco Pigliaru. Portare al successo una campagna elettorale iniziata praticamente fuori tempo massimo, anche ammettendo che qualche pedina sulla scacchiera fosse stata giocata in anticipo, non è cosa da tutti. E Pigliaru ha vinto mantenendo il suo proprio stile e dettando i suoi tempi alla campagna elettorale, senza piegarsi allo stile e ai tempi altrui. Non è poco, fermo restando che il bello e il brutto vengono adesso, e mantenere la barra diritta allo stesso modo durante i prossimi cinque anni di governo non sarà per niente facile.

Vittoria PigliaruNon sono originale a dirlo: l’incapacità della sinistra di ripagare con il buon governo la commovente capacità del suo popolo di rinnovare ancora e ancora la fiducia è conclamata, quindi, con tutto il rispetto, dagli apparati di partito, dai consiglieri e dai futuri assessori è lecito aspettarsi di tutto, compreso il peggio: d’altra parte Pigliaru mi sembra dotato di schiena dritta a sufficienza. Sarà interessante stare a vedere.

Come molti altri ex studenti di Scienze Politiche sono stato allievo di Pigliaru (uno dei corsi più intellettualmente stimolanti che abbia mai seguito), e ho per lui molta ammirazione. Sono anche consapevole che la mia visione dell’economia e la sua sono abbastanza lontane: all’epoca della morte della Thatcher scrisse sulla sua pagina Facebook (non ci si crede alle cose che conserva, lo zio Rufus)Pigliaru 1

Pigliaru3

D’altra parte ricordo che proprio a lezione Pigliaru illustrò il modello economico di Lucas raccontando con molta passione come l’anziano liberista si fosse trovato a fare i conti con le diseguaglianze economiche mondiali e avesse cambiato il suo modo di ragionare. Se si è ammansito l’arcigno Lucas, a maggior ragione potrà farlo Pigliaru sulla scomoda poltrona di Presidente della Regione, diciamo.

Ichnusa BarracciuHa perso Francesca Barracciu. E non ha perso quando ha dovuto rinunciare (quando è stata costretta a rinunciare) alla candidatura. Ha perso secondo me quando ha postato le foto della birretta, annunciando al mondo l’intenzione di fare una campagna elettorale for dummies. Il carisma è una strana cosa e la Barracciu se n’è trovata sprovvista molto prima dell’arrivo dei guai giudiziari. Siccome non è certamente una sprovveduta (cioè è una risorsa per il suo partito), eppure negli ultimi sei mesi si è ripetutamente mostrata non all’altezza, sono curioso di vedere cosa farà in futuro. Per il momento, però, ha perso.

Ha perso Cappellacci. Non è che c’è molto da discutere: quando la tua coalizione prende più voti di te e alla fine si perde per il voto disgiunto, la sconfitta non può essere che colpa tua. D’altra parte, con Cappellacci perde la leadership del centrodestra, perché il candidato presidente si decide insieme. Al contrario della sinistra, a destra non c’è l’abitudine di divorare i propri leader per punirli degli errori di strategia, quindi non sapremo mai chi ha scelto di puntare su Cappellacci e che responsabilità gli viene addossata. È anche per queste opacità – e quindi per una destra che non si rinnova mai – che in Italia non abbiamo un polo conservatore di qualità europea.

Ha vinto Paolo Maninchedda, che ha impartito una lezione di politica a tutta l’area sovranista, e ha perso – perso male, molto male – Progres. Il progetto politico della sua dirigenza era quello di spiazzare tutti gli altri partiti indipendentisti – grazie a una candidatura carismatica – e accreditarsi come unico rappresentante di quell’area, non solo: accreditarsi e dimostrare l’esistenza di una componente indipendentista ineliminabile dalla società sarda, avviando un processo via via irreversibile secondo un modello catalano. Solo che quando hanno visto Michela Murgia avvicinarsi con il coltello da scanno gli altri indipendentisti non sono rimasti lì a offrire la gola, come forse quelli di Progres ingenuamente credevano, ma hanno trovato Maninchedda che li ha traghettati fuori del deserto fino a un rifugio sicuro. Il professore ha eluso abilmente la trappola e ha lasciato Progres a schiantarsi trascinato dal proprio stesso slancio. Siccome Maninchedda era accreditato di intenzioni di candidatura alla presidenza, e invece ha freddamente riconsiderato la situazione scegliendo la migliore strada possibile, la sua lezione è anche personale nei confronti di Michela, che invece una candidatura ha cercato a tutti i costi: spiace dirlo, ma c’è un divario di statura politica abissale.

Se si ricorda la storia di scissioni reciproche che lega Partito dei Sardi, IRS e Progres e si guardano i voti rispettivi si scopre che i primi due, considerati insieme, prendono più voti, molti più voti, del terzo, ed entreranno in Consiglio regionale, dove nessun indipendentista era mai arrivato. Maninchedda si è costruito un futuro, Progres sembra improvvisamente senza futuro. Se fosse entrato in Consiglio Franciscu Sedda, fondatore del partito che la leadership crescente di Michela ha messo ai margini fino di fatto all’espulsione, a quelli di Progres non sarebbe rimasto altro che fare un seppuku di massa. Così hanno “solo” subito una batosta epocale: il problema, mi pare, è che non se ne accorgono. Leggo commenti in cui si dà la colpa della catastrofe a qualunque cosa tranne che a se stessi (per non parlare delle giustificazioni risibili del genere: «per noi è già una vittoria», «puntiamo ad altri traguardi» e perfino: «comunque siamo stati molto bene insieme, c’era sempre un buon clima»): il che dimostra che dopo aver fatto una campagna elettorale di stampo prettamente berlusconiano nella sconfitta prendono il peggio della sinistra: non siamo noi che non siamo in sintonia con il popolo, sono i sardi che sono schiavi delle clientele.

A proposito: se Franciscu Sedda probabilmente in questi giorni mediterà sul gusto della vendetta che si gusta a freddo, fatico a considerarlo pienamente un vincitore. Perché non è entrato in Consiglio regionale, e un po’ ha il vizio di ficcarsi in queste situazioni in cui deve dividere la leadership con qualcun altro: prima Gavino Sale, poi Progres, poi Maninchedda. Diciamo che per il momento ha pareggiato in trasferta con una rete in contropiede: per il resto chi vivrà vedrà.

In ogni caso, addio Catalogna. Perché per entrare nella coalizione di centrosinistra l’area sovranista ha dovuto molto emascularsi, e in ogni caso perché il segno politico delle elezioni va in tutt’altra direzione. È tutta l’area identitaria che, complessivamente, ha perso. I sardi hanno scelto l’unico candidato alla presidenza che non ha speso nemmeno mezza parola sull’identità (non deve nemmeno aver pronunciato una parola in sardo in tutta la campagna) e il primo partito è il PD, che è quanto di meno sovranista si possa immaginare, tolto forse Fratelli d’Italia e l’Arma dei Carabinieri. Se i sardi avessero voluto votare per la lingua, per l’identità, per distinguersi, per i pastori e la mastrucca avrebbero votato diversamente: e di questo credo che tutti alla fine dovranno tenere conto, anche perché alla fine l’area Rossomori – a proposito, Muledda è un altro che in questo periodo ha dato lezioni di politica – e Partito dei Sardi non avrà abbastanza consiglieri da poter condizionare Pigliaru più di tanto. Il discorso indipendentista torna improvvisamente indietro di dieci anni.

Michela MurgiaE quindi ha perso Michela Murgia. Ha giocato un azzardo e ha perso. E le dimensioni della sconfitta sono tali, le conseguenze così pervasive per Progres e per tutta l’area, e chiamano in causa tali e tante responsabilità personali di Michela, e risultano così profondamente diseducative – io e Michela veniamo entrambi dall’Azione Cattolica, e per la nostra provenienza non può esserci niente di peggio – nei confronti di un’ampia fascia di suoi elettori in buona fede, che il tutto non può che suggerire l’abbandono definitivo del campo. Non abbiamo bisogno di perdere altro tempo.

Con Michela perde tutta la dirigenza di Progres, per non parlare di gente come Valentina Sanna e Romina Congera. Diciamolo chiaramente: perde anche la Sardegna complessivamente, perché obiettivamente non è segno di democrazia che settantamila votanti restino esclusi dalla rappresentanza. Solo che per la dirigenza Sardegna Possibile è casomai un’aggravante, perché loro stessi hanno sperato di volgere a proprio vantaggio una legge schifosa lucrando sul premio di maggioranza.

Perde anche, ovviamente, Anthony Muroni e L’Unione Sarda ma la loro sconfitta impallidisce a paragone di tutto quel giro di giornalisti continentali che in questi mesi hanno dimostrato di non capire nulla della Sardegna e hanno raccontato una realtà inesistente; perde quel partito trasversale di strateghi da tavolino che pianificano la vita della sinistra in maniera astratta e che piegano la descrizione della realtà ai propri desideri, tanto che alcune volte è sembrato che nella testa di alcuni commentatori il confronto fra Sardegna Possibile e centrosinistra fosse una sorte di faida interna nel PD – cosa che certamente non era. Tanto strateghi da tavolino che oggi uno dei più stretti collaboratori di Renzi si può permettere di irriderli, facendo scomparire, fra le pieghe della loro sconfitta, il fatto reale che nella coalizione di centrosinistra un bel po’ di magagne ci sono, che prima di imboccare la strada giusta il PD e la sua dirigenza (e vale anche per SEL) ci hanno messo un bel po’ dando uno spettacolo desolante, e soprattutto che il PD è, di fatto, un partito di una sinistra molto moderata: basta guardare la lista degli eletti per convincersene e capire che, complessivamente, perde la sinistra non moderata.

Il problema, però, è che queste elezioni dicono, per l’ennesima volta, che il PD è resiliente e per questo (talvolta) vince. Sinora tutti quelli che, all’interno o all’esterno, hanno sperato di far esplodere le contraddizioni del PD non hanno mai incontrato il favore della base del partito (che è in genere molto migliore della sua dirigenza) e si sono spaccati le corna, perché correttamente l’elettorato del PD ha ritenuto che il PD sia ancora un presidio democratico migliore delle alternative. Sarà il caso che se si vuole creare uno spazio politico a sinistra del PD si rinunci all’idea di mettere il cuneo nell’interstizio delle debolezze altrui e si lavori diversamente. Vale anche per SEL, un altro partito a cui la vittoria permette di mascherare più di una magagna.

Solo che costruire una sinistra-sinistra richiede di saper fare politica, una competenza che è oggi davvero pochissimo diffusa e la cui assenza, per esempio, ha determinato la sconfitta del M5S, il movimento che non sa fare politica per antonomasia, che qui da noi si è praticamente suicidato e che, probabilmente, non entrerà mai più nel Consiglio regionale, salvo che non venga la catastrofe – ma non possiamo augurarci la catastrofe solo per avere i grillini in via Roma. Ma qui nella mia riflessione ho più in testa tutta la galassia che va dal movimento antiglobalizzazione – molti dei quali hanno lavorato per Sardegna Possibile – ai resti del movimento ambientalista a un sacco di altra gente: è il caso di ricominciare a fare politica. Altrimenti si può sempre andare a sentire i Sikitis.

Infine, e anche se può sembrare paradossale, a occhio direi che con queste elezioni ha vinto il rinnovamento: una buona percentuale degli eletti entrano per la prima volta in Consiglio, mentre molti degli uscenti non si sono presentati o non sono stati riconfermati. Lo dico perché è un segnale che, anche con leggi elettorali pessime e anche con un generale immobilismo della classe politica, ci sono movimenti e flussi che sarebbe sbagliato sottovalutare: non è solo Renzi che preme, ma tanti altri fattori. D’altra parte basta considerare la presenza di Giorgio Oppi e Mariolino Floris per rendersi conto che non è proprio il caso di brindare.

Anche perché a fronte del rinnovamento perdono i giovani (a parte un paio di SEL l’età media sarà almeno sui cinquanta, penso) e soprattutto perdono le donne, praticamente assenti dal Consiglio. C’è molto da migliorare, insomma.

Facebook Comments

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close