Gli Illusionauti

Sono stato ieri sera a vedere Gli Illusionauti, spettacolo teatrale che al Lazzaretto di Sant’Elia conclude la navigazione estiva dei Teatridimare della compagnia Çàjka.

2013-09-27 22.26.04Sono da tempo un estimatore dei lavori di Francesco Origo e della sua compagnia: ho trovato questo Gli Illusionauti più ambizioso, forse troppo ambizioso, degli spettacoli precedenti: tenta di trarre un bilancio dell’esperienza dei teatri estivi raggiunti navigando a vela, come la compagnia fa ogni estate da molti anni, e vi mischia una riflessione sul senso dell’essere teatranti in un momento in cui ci si confronta con le nuove tecnologie – il rapporto messo in scena è quello fra teatro e cinema muto all’inizio del ‘900 – ci sono anche alcuni intermezzi filmati gustosi. E naturalmente fa da sfondo a tutto questo il mare, politropo come Ulisse e custode di leggende e storie senza pari. Molta carne al fuoco, e uno sviluppo forse un po’ tirato via che alla conclusione lascia lo spettatore un po’ perplesso – come? tutto qui? – ma mi sono abbastanza divertito.

Per chi è interessato si replica oggi, al Lazzaretto alle 21. Il biglietto è 12 euro.

2013-09-27 21.31.11Approfitto per una variazione gastronomica. Sono diventato un fan della compagnia Çàjka quattro o cinque anni fa, quando vidi il loro spettacolo Gastromachia, durante il quale cucinavano in diretta per il pubblico la

Zuppa di lenticchie alla campidanese

e questo mi sembra un buon momento per condividere la ricetta, così come vene descritta nello spettacolo.

Ingredienti (per un pubblico di 400 persone – per meno scalare appropriatamente):

  • olio d’oliva,
  • un mazzo di sedano, tritato,
  • una scivedda (chiamasi in sardo “scivedda” un’ampio ciotolone, come quello in cui si serve la pasta) di carote a rondelle,
  • sei belle cipolle, tritate,
  • una testa d’aglio, tritato,
  • un guanciale o una pancetta, tagliato a dadini,
  • due ampie scivedde di lenticchie (una di lenticchie decorticate arancioni e una di lenticchie non decorticate), precedentemente ammollate in acqua per dodici ore,
  • sale, pepe, peperoncino,
  • circa quindici litri d’acqua,
  • mezza bottiglia di vino bianco.
  • alcuni chili di pistoccu o altro pane casereccio per servire

Far appassire in un tegame capace l’aglio e le cipolle nell’olio. Quando sono dorati, versare le carote e il sedano, senza mescolare, e quindi la pancetta a dadini (dice il cuoco, nello spettacolo: fare un sontuoso letto con le cipolle, su cui si adagi leggera la carota per accogliere il suo signore, il lussurioso porco).

Alzare la fiamma, sfumare con metà del vino e versare le lenticchie con sale, pepe e peperoncino.

Mescolare bene e versare l’acqua. Quando arriva a bollitura versare il resto del vino.

La ricetta è finita qui, ma prevede a metà della cottura (direi una mezz’ora di sobbollitura in totale per le lenticchie) l’aggiunta di sale e peperoncino per regolare il gusto a piacere.

L’acqua deve essere abbondante, la zuppa alla fine resta quasi una minestra, molto brodosa, in cui si inzuppa piacevolmente il pistoccu. Occhio: non troppo allungata, altrimenti il brodo non ha sapore.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi