Nominations di Sant’Antonio

liebster2Liebster Awards

Mauro Cogoni, blogger-chef residente di Marito alla parmigiana, mi ha nominato all’interno dei Liebster Awards.

Se non ho capito male, è un giochillo fatto dai piccoli blogger per sostenersi a vicenda e orientare reciprocamente il proprio pubblico.

Un po’ la cosa mi ha posto dei problemi morettiani (mi si nota di più…): è scortese non rispondere? Fai la figura del supponente? Che cosa ti devi inventare? Quanto devi essere brillante? E chi nomini a tua volta?

Un po’ mi ha fatto un insano piacere.

Alla fine quel che segue è la mia soluzione personale.

Regole e risposte

Le regole complessivamente sono:

  1. Citare il blogger che ti ha nominato, ringraziandolo (fatto!)
  2. Rispondere alle undici domande che quel blogger ti ha rivolto. Su questo non ho problemi, anche se Mauro, partendo dagli interessi specifici del suo blog, chiede cose che esulano abbastanza dai miei temi abituali (d’altra parte mi definisce suo “tuttologo preferito”, quindi vuol dire che si fida che qualche risposta verrà fuori). Comunque mi presto volentieri:
  • Qual’è l’ingrediente che odiate di più?
    La trippa
  • Cosa mangiate a colazione?
    Cose varie, ma soprattutto the e pane e marmellata
  • Quale città vorreste visitare?
    Con Maria Bonaria Parigi e Venezia, in generale Istanbul
  • C’è un ristorante che amate alla follìa?
    No. Boh: a Roma sono stato una volta in uno strano posto di suore chiamato L’eau vive, dove vorrei tornare, e la mia famiglia è molto affezionata a un ristorante chiamato Da Ezio, piccola Roma. A Firenze c’è una trattoria chiamata Il fagioli. A Cagliari apprezzo Balena, Pomata e voglio provare La Locanda dei buoni e dei cattivi, ma ho la ferma convinzione che a Cagliari si mangia bene (quasi) dappertutto.
  • C’è un ristorante che evitate come la peste?
    Mi appello al quinto emendamento. In generale comunque rifuggo dalle trappole per turisti e dai posti dove la gente porta le fidanzate: per esperienza di solito in questi posti si mangia molto male.
  • Il junk food che adorate?
    Patate fritte
  • Il dolce che vi riesce meglio?
    Cucino pochi dolci, anzi nessuni. In caso di emergenza dovrei cavarmela con una crem caramel o con le pere col cioccolato fuso o con la spuma di frutti rossi o… beh, insomma, qualcosa so fare, ma niente proprio bene.
  • Il vostro personaggio televisivo preferito?
    Guardo pochissima TV. Se dovessi citare dei personaggi da telefilm direi Sonny Crockett (Miami Vice),  Malcolm Raynolds (Firefly) e Kate Beckett (Castle).
  • Il vostro Chef preferito in tv?
    Jamie Oliver (anche l’unico che ho guardato, peraltro)
  • Che musica ascoltereste in cucina?
    Quando cucino e sono da solo metto sempre musica o la radio, quelloc he capita
  • Com’è fatto il vostro grembiule da cucina?
    È un grembiule della Guinness che qualcuno mi ha portato dall’irlanda.

Altre cose più controverse

Dovrei dire undici cose di me. Ecco, questo mi rifiiuto: non saprei cosa dire, mi viene male e sono allergico ai giochi della verità. Per me parla il blog e le cose che ci scrivo sopra, e se volete sapere qualcosa di me ho fatto una pagina apposta.

Lo so che è un po’ da scorbutici: mi scuso con Mauro e con tutti.

Infine dovrei nominare a mia volta  undici blogger (con meno di duecento follower) e fare undici domande.

Ohi, inventare le domande è di una difficoltà immensa. Nominare i blogger è un problema diverso: fra il mio blogroll e i blog che segnalo settimana dopo settimana ne ho molti di più, ma penso che a alcuni magari fa piacere sapere che li stimo ma, come me, poi si trovano nei guai a dover rispondere, trovare domande, nominare altri undici… e alcuni hanno blog che non si prestano ad articoli come quelli richiesti dai Liebster Awards.

Alla fine ha prevalso l’aspetto ludico: la questione che domande potrei fare? era stimolante, soprattutto pensando a domande rappresentative dei temi di questo blog. E ho deciso di nominare un unico blog, che non sta nel blogroll di solito perché già coperto da altri con gli stessi temi, ma che ho sempre pensato fosse meritevole e rappresentativo di tanti che con passione curano le loro pagine:

La collezionista di dettagli – Claire e il mondo visto da una janeite

Temo che blog nominato e domande non si sposino proprio bene, ma comunque questo è il meglio che sono risucito a fare.

Le domande

In realtà alle domande nei commenti può rispondere chiunque, anzi vi sollecito a farlo:

  1. Un libro da suggerire: non a chiunque, ma a chi vive in Italia nel 2013
  2. Un libro da suggerire: non a chiunque, ma a un figlio o una figlia
  3. L’ultima volta che ho letto la Bibbia ho pensato…
  4. Una poesia che merita di essere letta…
  5. L’opera d’arte da vedere…
  6. La cosa più difficile che mi è riuscita di fare è…
  7. Se potessi cambiare una e una sola cosa al mondo, sarebbe…
  8. Se potessi cambiare una e una sola cosa in Italia, sarebbe…
  9. Giocare vuol dire…
  10. Primo gennaio 2020: io…
  11. Primo gennaio 2020: il mondo…
Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi