[REBLOG] L’incendio alla Grenfell Tower (e la Thatcher)

Sono rimasto, come credo tutti, molto colpito dalla vicenda dell’incendio alla Grenfell Tower a Londra con il suo catastrofico bilancio di vittime.

Cosa è successo

Vi segnalo tre articoli (in inglese): per vederli, cliccate sulle immagini. Il primo, dal sito della BBC, aiuta a capire cosa è successo in senso pratico, con disegni e mappe.

Frase di riferimento:

Il quartiere è uno dei più ricchi del paese. Il reddito medio è 123 000 sterline: il più alto del Regno Unito.

Ma la mediana – il punto che divide esattamente in due la graduatoria di tutti i redditi dell’area – è di 32 700 sterline. Nessun’altro ente locale del paese ha una simile distanza fra le due medie, che indica un forte contrasto fra famiglie ad alto e basso reddito.

Si poteva evitare?

Il Guardian ha la cronaca delle disperate segnalazioni degli inquilini delle condizioni di rischio nelle quali versava il palazzo.

Frase di riferimento:

In un articolo del blog orribilmente profetico, scritto nello scorso novembre, l’associazione degli inquilini scrisse che avevano «raggiunto la conclusione che solo un incidente che abbia come conseguenza la significativa perdita di vite umane degli inquilini della KCTMO [l’organizzazione che gestisce le case popolari della zona, NDRufus] permetterà il verificarsi dell’indagine esterna che porterà alla luce le pratiche che caratterizzano la maligna gestione di questa paralizzata organizzazione».

… e la Thatcher?

Voi direte che è ideologico accanirsi ma il Telegraph, nell’elencare otto errori che hanno lasciato gli inquilini alla mercé del rogo, parte dal 1986 e dalla decisione di revocare le più stringenti norme del regolamento edilizio londinese a favore di quelle più lassiste di una normativa unica nazionale. E sì, nel 1986 c’era la Thatcher.

Frase di riferimento:

Dopo che sei persone morirono nell’incendio della Lakanal House nella aprte meridionale di Londra nel 2009, il Gruppo Parlamentare Interpartito sulla Sicurezza dagli Incendi e Soccorsi chiese una generale revisione da parte del Governo dei regolamenti edilizi.

Essi sostennero che 4 000 grattacieli in tutta Londra erano a rischio a causa di una mancata valutazione dei rischi di incendio, e che i pannelli sui muri esterni non fornivano la necessaria resistenza al fuoco.

Anche il magistrato inquirente incaricato del caso della Lakanal House raccomandò che il Governo semplificasse le regolamentazioni antincendio in modo che fossero più facili da capire per i proprietari di case in affitto.

Nel 2013 il Ministro per le comunità Eric Pickles rispose alle raccomandazioni del magistrato e promise una revisione che portasse alla pubblicazione di regolamenti edilizi aggiornati nel 2016/17.

A spokesperson for the Department for Communities and Local Government said the work is “ongoing” and would not give a date for when the updated regulations will be published. Un portavoce del Dipartimento per le Comunità e il Governo Locale ha detto che il lavoro è “in corso” e non ha voluto dato indicazioni sulla data nella quale i regolamenti edilizi aggiornati saranno pubblicati.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi