La Rosa Bianca

La Rosa Bianca

Il libro ripercorre le vicende della Rosa Bianca per poi tracciare un bilancio di questo sfortunato tentativo di resistenza al nazismo.

Inizia nel centro dell’azione, con il racconto della drammatica cattura del nucleo fondante del gruppo, i fratelli Scholl e Christopher Probst, seguito dallo smantellamento completo dell’organizzazione.

Si fa quindi un “passo indietro” per tracciare, separatamente, la biografia dei principali componenti, la loro formazione morale e spirituale (più che politica) e il modo con cui maturarono il rifiuto del regime nazista.

Presentati i protagonisti si raccontano le vicende vere e proprie della Rosa Bianca, naturalmente focalizzate attorno all’arresto, e quindi ai processi e per molti, purtroppo, alle esecuzioni.

Di grandisismo interesse è il capitolo XV, che passa in rassegna le cinque principali intepretazioni via via proposte per spiegare l’azione della Rosa Bianca. La lucidità e il coraggio di questi ragazzi, infatti, conferisce loro una superiorità morale sorprendente nei confronti di altri gruppi di resistenti, che si mossero solo molto più tardi, per non parlare dell’opinione pubblica tedesca in generale. Questa “diversità” è quindi provocatoria e ha suscitato nel tempo diversi tentativi di spiegazione. È chiaro che non si può parlare della Rosa Bianca senza parlare, per contrasto, de “l’altra Germania”, e questo funzione di cartina di tornasole dà al capitolo il suo interesse.

Anche senza questo bel capitolo, tuttavia, il libro ha un grande fascino, che deriva direttamente dalla statura morale e esistenziale dei componenti della Rosa Bianca di cui vengono narrate le vicende.

Sophie Scholl e la Rosa Bianca

Rispetto all’altro libro di Ghezzi sulla Rosa Bianca questo si concentra maggiormente sui fratelli Scholl e in particolare su Sophie, indagando in particolare la loro formazione, le loro motivazioni e gli ideali che li portarono alla resistenza contro il nazismo. Lo trovo anche più dettagliato sulla sequenza tragica degli ultimi giorni, del processo e della condanna a morte, mentre trascura maggiormente il quadro d’assieme, le condizioni della Germania e l’interpretaizone che la storiografia successiva ha dato delle vicende della Rosa Bianca. Proprio perché ampio spazio è dato al percorso formativo degli Scholl e al loro progressivo contrapporsi all’ideologia hitleriana, Ghezzi sembra dare maggior spazio alla visione che trova nella scelta di ribellione degli Scholl forti motivazioni religiose; mentre altrove, pur riconoscendo queste motivazioni le aveva in qualche modo inserite in un quadro d’assieme più sfumato.

Facebook Comments

2 pensieri riguardo “La Rosa Bianca

  • 21/08/2012 in 16:31
    Permalink

    Riunisco le recensioni pubblicate su Anobii a novembre del 2010 di due dei testi sulla Rosa Bianca che sono presenti nella mia libreria.
    Il gruppo La Pira conta i resistenti della Rosa Bianca (un gruppo in cui erano presenti cattolici e protestanti) fra i propri santi protettori, e cerca di celebrarne la festa ogni anno (con alterni successi).

    Rispondi
  • Pingback: “Lettera dal fronte n° 3″ e la Rosa Bianca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi