A proposito di gamification

L’altro giorno sono andato al cinema a vedere il Dottor Strange (magari ne parlerò un’altra volta) e all’ingresso ho notato un cartello, più o meno così:20161120_1912451Il sito dell’UCI Cinemas spiega meglio il tutto: si tratta di un concorso, che prevede la possibilità di collezionare gli animali sui siti web dell’UCI Cinemas e di altri alleati oppure, come in questo caso, di identificarli mediante il QR code.

Un bell’esempio di gamification, cioè dell’uso di materiali ludici molto grezzi per accattivarsi l’attenzione del pubblico o rendere più piacevoli compiti ripetitivi o perfino sgradevoli: non veri giochi, ma attività ludiformi (in questo caso è usata per sostenere la pubblicità del film).

Fra gli appassionati di giochi la gamification, sebbene talvolta praticata per motivi alimentari, non ha una buonissima fama: c’è chi la disprezza per motivi di ordine morale (come un deprezzamento della nobile attività del gioco) e chi, come me, è soprattutto irritato per la complessiva mancanza di profondità dei materiali prodotti e per la quantità di occasioni sprecate: in certi casi ti viene da pensare che con gli stessi soldi e risorse spesi per fare una gamification insulsa si sarebbe potuto ottenere un gioco magnifico.

Ci sono anche altri problemi: in un sacco di casi – per esempio molti giochi social – una forma di gioco esilissima, spesso appunto poco più che gamification, è sostanzialmente usata per mascherare il fatto che si sta semplicemente inducendo il giocatore a una dipendenza che lo spinga a ripetuti acquisiti in game (spesso ci si lamenta delle slot, ma forse si sottovaluta la quantità di esborso indotto da molti di questi giochilli). E forse in certi casi c’è troppo in ballo perché la gamification faccia davvero effetto: ho visto una banca sotto casa che distribuisce buoni fra coloro che hanno sottoscritto dei mutui e magari con 500 € in palio la gente non lo prende granché come un gioco.credem-concorso-prestiti-buoni

Ma comunque ci sono molto casi nei quali la gamification funziona: quella dell’UCI e abbastanza spiritosa e offre magari una piccola esperienza che integra e prolunga il divertimento della visione del film; ci saranno mille altri casi altrettanto godibili.

In ogni caso, prima che l’ondata della gamification passi (perché passerà, oh se passerà) e eserciti di pubblicitari si dirigano altrove, conviene farsi una cultura. Ci sono delle slide di Fabio Viola molto interessanti, e che consiglio di cuore.

Facebook Comments

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close