Certe notti ci prende così (e fine settimana incasinati)

I più attenti fra voi avranno notato che da qualche giorno vado riproponendo su Facebook  alcuni link a prossime iniziative dei Fabbricastorie.

logo_fabbricastorie_trasparente-1024x157Accade infatti che nel prossimo fine settimana, ad Alig’Art, presenteremo un nostro laboratorio sul game design (sabato 12 novembre, ore 10,30 al Lazzaretto di Cagliari). E la notte facciamo – in collaborazione con Banca Etica – un gioco un po’ catastrofico (alla 1,30 fra il 12 e il 13 novembre, sempre al Lazzaretto).

Alla 1,30? 

aligart-2016Già. Alig’Art prevede ventiquattr’ore ininterrotte di attività, volevano fare qualcosa di notte e noi volevamo sperimentare da tempo cosa succede introducendo un elemento di tensione (come il tempo che passa inesorabilmente) nei nostri  più usuali giochi di comitato, e il contesto notturno si adattava bene.

Speriamo in bene: se ci addormentiamo addio tensione.

Ma non credo.

game-jamPeraltro le notti dei Fabbricastorie si stanno facendo sempre più occupate, in un certo senso. A gennaio organizzeremo la sede cagliaritana della Global Game Jam, una occasione molto divertente nella quale in quarantottore gruppi di sviluppatori di giochi, musicisti e disegnatori cercano di creare un gioco a partire da zero… e oltretutto di farlo su un tema che è rivelato immediatamente prima dall’organizzazione mondiale. Dovrebbero essere quarantottore di fila dal venerdì sera alla domenica, e anche quelle sono due notti che non si dorme (o forse si, chissà).

Quello che è certo è che questo è l’inizio di un periodo piuttosto impegnativo, per i Fabbricastorie, considerato che per gennaio chiuderemo il nostro primo videogame (ah, ehm, non ve lo avevo detto? in realtà è una app per dispositivi mobili che si gioca in realtà aumentata) e che ci sono una serie di altre cose che bollono in pentola.

E io che pensavo di dormire.

Peraltro, queste non sono le uniche cose che mi vedono impegnato ad Alig’Art: sabato pomeriggio (alle 18, sempre al Lazzaretto) i soci di Banca Etica propongono un divertente (spero) Percorso di sopravvivenza finanziaria. E io che avevo progettato dopo il laboratorio di game design di andare a casa a dormire per essere una rosa durante il gioco notturno.

Non c’è riposo per chi si diverte!

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi