Potrei lavorare a Internazionale

Forse no. Ma questa settimana la rivista presenta un articolo che io avevo già tradotto qui, quindi sono moderatamente orgoglioso.Donald Trump Internazionale

Impreziosito da una bella copertina di Gipi (Internazionale si conferma osservatrice attenta del fumetto italiano) il numero di questa settimana traduce dal Guardian  un editoriale dal titolo Benvenuti nell’era di Trumparticolo che avevo proposto qui la settimana scorsa. Vuol dire che ho avuto occhio (e prima di me Domenico Licheri, che mi aveva segnalato l’articolo).

La cosa più interessante per me (e un salutare bagno di umiltà) è stata confrontare la mia traduzione con una professionale, che obiettivamente risulta straordinariamente più scorrevole, più… bella, in una parola, anche se molto, molto meno aderente al testo (se penso che ogni volta che mi prendo una libertà nel tradurre mi sembra di commettere un crimine). Non mi era mai capitato di leggere un testo tradotto da me in parallelo con lo stesso tradotto da altri e l’ho trovata un’esperienza molto interessante – e poi ho visto che ha tradotto l’insulto indirizzato a Ted Cruz he’s a pussy! come ho fatto io – «È una fighetta!» – e, devo ammetterlo, mi sono sentito molto orgoglioso.

Casualmente Internazionale affronta anche, nella sua versione web, un dubbio che avevo espresso introducendo l’articolo, e cioè il fatto che si collegasse troppo raramente il fenomeno Trump al caso italiano di Berlusconi. Un articolo di Oliver Meiler sostiene che Paragonare Donald Trump a Silvio Berlusconi è sbagliato: lo fa secondo me accampando motivazioni piuttosto deboli e che fanno riferimento piuttosto al metodo seguito dai due – e a quelli utili per combattere Trump – che alla loro genesi sociale e ideologica – sui preoccupa cioè piuttosto di tattica che di strategia – ma la lettura è nonostante questo molto interessante e la consiglio vivamente.

Facebook Comments

2 pensieri riguardo “Potrei lavorare a Internazionale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi