L’amore nella “casa dell’attimo”

Ho messo poco fa in linea la nona puntata di quest’anno di Oggi parliamo di libri, dedicata a Maison Ikkoku di Rumiko Takahashi.

Ho scelto questa storia, dapprima, perché volevo inserire nel ciclo di puntate sulle grandi storie d’amore una che fosse stata raccontata a fumetti: e dopo essermi scervellato mi era sembrata una scelta ottima, non solo, ma perfino ovvia, tanto da chiedermi come non ci avessi pensato prima. E poi mi era piaciuta, man mano che preparavo la puntata, l’idea di introdurre in Oggi parliamo di libri i fumetti giapponesi, dei quali in tre anni non avevo mai parlato.

Rispetto a questo lavoro di preparazione la puntata è andata via abbastanza liscia, anche se riascoltandola oggi mentre cercavo un dato su Wiki l’ho trovata eccessivamente influenzata da quei dati, molto più di quanto avessi percepito mentre parlavo; forse, fra l’altro, avere adottato quel taglio mi ha portato a trascurare temi che pure ricordo bene dalla lettura, come il ruolo delle famiglie di origine di Kyoko e Godai. In questo modo riascoltandomi trovo la puntata buona, coerente, utile a dare uno spunto di lettura, ma poco personale e abbastanza superficiale. Ahiahi, non sono mai soddisfatto.

Quello che invece non sono riuscito a fare è stato allargare sufficientemente il discorso al resto del mondo del manga ed è per questo che ho deciso, immediatamente, di dedicare a un fumetto giapponese – Touch di Adachi – anche la puntata successiva. Sarò riuscito in quella occasione a dire tutto quel che volevo dire? Lo saprete, come suol dirsi, alla prossima puntata (ma i solutori più esperti avranno già capito la soluzione).

Ah, dimenticavo: perché nel titolo parlo di Casa dell’attimo? Ma perché questa dovrebbe essere, vedo, la traduzione di ikkoku e chi conosce la Takahashi sa che ogni particolare ha un senso: non solo perché il quartiere in cui si trova la casa sembra immune al fluire del tempo, non solo perché Kyoko e Godai (e tutti gli altri) sono sospesi in un “attimo” (che pure dura diverse stagioni) in cui tutto può succedere e ogni possibilità è aperta, ma soprattutto perché Kyoko dopo la morte del marito si è come bloccata, fermata in un attimo di eterno rimpianto: ricominciare a vivere, far riprendere a scorrere il tempo vuol dire aprirsi all’amore.

Ehi, ma l’ho detto molto meglio che in trasmissione!

Per il brano musicale di pausa ringrazio, come avete sentito, Andrea Pala.

Facebook Comments

Un pensiero riguardo “L’amore nella “casa dell’attimo”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi