Tebe dalle sette porte

Avete visto qualche volta nella mia firma la domanda “Tebe dalle sette porte, chi la costrui?”. Siccome qui sulla lista mi avete scritto, per prendermi in giro, «Insomma, chi la costruì?!», do… la soluzione.

Si tratta del primo verso di una poesia di Bertolt Brecht, poeta e drammaturgo tedesco della prima metà del ventesimo secolo.

La passione per Brecht, marxista più o meno ortodosso, esule dal nazismo, autore di scenggiature per Hollywood e poi infine residente per scelta nella Repubblica Democratica Tedesca (dove forse il suo marxismo conobbe qualche disillusione) è una delle poche eredità che mi restano della mia educazione da giovane comunista (credo che mia madre mi leggesse le poesie di Brecht più o meno quando avevo otto-nove anni, cosa per la quale le sono molto grato).

Brecht è molto noto per il teatro – per esempio, l’Opera da Tre Soldi, Vita di Galileo, con la memorabile frase

Beato il popolo che non ha bisogno di eroi

… ma io sono affezionato soprattutto alle poesie.

Il mistero di Tebe dalle sette porte non ve lo rivelo (se no è troppo facile).

In compenso una poesia, Giacigli per la notte, che mi sembra molto adatta al gruppo La Pira:

Ho sentito dire che a New York
All’angolo della 26^ strada e di Broadway
Nei mesi invernali ogni sera c’è un uomo
E ai senzatetto che si radunano
Pregando i passanti procura un giaciglio per la notte.

Con questo il mondo non cambia
Le relazioni fra gli uomini non migliorano
L’epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine.
Ma a qualcuno non manca un giaciglio per la notte
Il vento viene tenuto lontano da loro per una notte
La neve destinata a loro cade sopra la strada.

Non deporre il libro che tu leggi, uomo.

A qualcuno non manca un libro per la notte
Il vento viene tenuto lontano da loro per una notte
La neve destinata a loro cade sopra la strada.
Ma con questo il mondo non cambia
Le relazioni fra gli uomini non migliorano
L’epoca dello sfruttamento non è per questo più vicina alla fine.

Facebook Comments

5 pensieri riguardo “Tebe dalle sette porte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi