Meno bello di quanto mi ricordassi

L’avevo letto a puntate sui settimanali Eura e mi sono concesso una rilettura estiva con grandi aspettative.

Devo dire che se l’impianto complessivo rimane di valore assoluto e il disegno bellissimo, invece le singole storie scontentano un po’, anzi più di un po’, rivelando qui e là delle banalità e degli stereotipi che costano alla recensione almeno una stellina. L’unica storia veramente affascinante è in realtà la seconda, quella di Margrit (che rimane anche in seguito uno dei personaggi migliori e il vero motore della serie, che infatti andata via lei perde molto).

Facebook Comments

One thought on “Meno bello di quanto mi ricordassi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi