Seconde possibilità

La parte degli angeli (Ken Loach, 2012)

la_parte_degli_angeli2A Torino in carcere fanno il caffé: una parte lo passano ai detenuti del carcere di Saluzzo che producono birra e ne fanno anche una aromatizzata al caffé; a Siracusa invece fanno i dolci con le mandorle.

Deve essere con una idea del genere in testa, o forse solo perché ha voglia di una gita, che Harry porta in visita a una distilleria di whisky i deliquentelli che gli sono stati affidati perché svolgano ore di lavoro socialmente utile. Per la maggior parte di loro è l’occasione di un bicchierino gratis (o per guardare le gambe della biondina che gli fa da guida turistica) ma per Robbie è un colpo di fulmine.

la_parte_degli_angeli3Da qui a uscire dal ghetto di Glasgow in cui vive e a liberarsi, anche internamente, della violenza che è stata sino a quel momento il suo unico modo di comunicazione dovrà scorrere parecchio… whisky sotto i ponti e forse sarà necessario un ultimo crimine, ma il percorso è avviato, e questa è tutta la storia di La parte degli angeli.

Loach firma una commedia che non è mai spensierata e che anzi tiene lo spettatore continuamente teso sull’orlo della sedia, nell’attesa (timore) che la catastrofe che tallona da presso i protagonisti (e in particolare Robbie) finalmente li azzanni e li stritoli, trasformando la farsa in tragedia (non vi dico se alla fine succede o meno, ma certo la sensazione di disastro incombente accompagna in ogni istante la scombinata combriccola di Robbie e dei suoi amici). Nel frattempo la macchina da presa non è mai fuori posto, mostrando una Scozia volta a volta urbana o rurale, ma mai oleografica, e gli attori fanno il loro dovere egregiamente, regalandoci una galleria di personaggi e di gag non proprio trascinanti ma certo molto accattivanti.

left_to_right_Jasmin_Riggins_William_Ruane_Paul_Brannigan_and_Gary_Maitland_star_in_THE_ANGELS_SHARETutto bene, quindi? Insomma. Il film è diviso in alcuni blocchi narrativi che non sembrano del tutto equilibrati, come se avendo trascorso troppo tempo a porre le premesse il finale e lo scioglimento debbano essere un po’ tirati via. O meglio: la storia viene raccontata per intero e i personaggi giungono al proprio destino, ma sembra che Loach si rifiuti di tirare le conclusioni della parabola che ha raccontato; non è un elemento di forza, come se fosse un lasciar libero lo spettatore di farsi la propria idea: sembra piuttosto un segno di stanchezza creativa.

lapartedegliangeli1Ho avuto (e rifiutato) un’altra perplessità: e riguarda il realismo della messa in scena. Anche non considerando la traduzione, che sicuramente fa perdere parecchio, i personaggi mi sono sembrati tutti un po’ troppo leccati, un po’ troppo colti, un po’ troppo sensibili per essere gli sbandati che dovrebbero rappresentare; a Loach non interessa, evidentemente, calcare la mano su turpiloquio, abiezione e disperazione, e secondo me fa bene: mettere dosi massicce di degrado manierato alla Trainspotting non avrebbe aggiunto nulla alla narrazione. E d’altra parte se Bellas mariposas, con la sua crudezza, ha dato l’impressione a qualcuno di non essere partecipe, qui è chiarissimo da che parte sta il regista: La parte degli angeli è una storia di redenzioni, ripartenze e seconde possibilità, a cui tutti hanno diritto, fosse solo anche quella di andare in un bar, pieni di soldi, e sbronzarsi, con la sicurezza che Loach, alla fine, offrirà un giro anche lui.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi