Apocalissi

Vedo sull’inserto Tech2 del giornale indiano First Post la notizia che l’anno prossimo 21 città indiane non avranno sufficiente acqua a disposizione (l’articolo parla specificamente di groundwater, che dovrebbe voler dire le falde acquifere).

L’anno prossimo, non nel 2050, eh. La notizia fa ancora più impressione se si considera che fra le città interessate ci sono metropoli come Delhi, Bangalore, Hyderabad e Chennai. Per capirci, la penuria interesserà cento milioni di indiani, in un paese ne quale già duecentomila persone all’anno muoiono per mancanza d’acqua.

Non ho tempo di tradurre l’articolo in questione ma ne raccomando caldamente la lettura perché è piuttosto esaustivo, sia riguardo al complesso di cause della situazione (mutamento nell’andamento delle precipitazioni dovuto ai cambiamenti climatici, cattiva gestione, mancata implementaizone di altri sistemi agricoli e così via), sia per una lettura globale del fenomeno e della complessità dela gestione di problemi simili.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi