Tutte le facce del mondo


Donna Bodi; fiume Mago, Debub Omo, Regione delle Nazioni Meridionali, Etiopia

Mi sono imbattuto recentemente su Bored Panda nel lavoro di Alexander Khimushin, un fotografo il cui progetto artistico è incentrato sul fotografare le persone appartenenti ai popoli minoritari e indigeni (al progetto complessivo è dedicato un sito – The World in Faces, cioè tutti i visi del mondo.

Alcune foto sono davvero bellissime, come quella qui sopra o questa qui sotto, ma il lavoro di Khimushin si presta a più di una riflessione ulteriore.


Donna Khik; valle del Wakhan , Badakhshan, Afghanistan

Intanto, Khimushin, comespiega su Bored Panda, è esso stesso un componente di un popolo di minoranza, gli Jacuti della Siberia settentrionale. Il suo tentativo di preservare i volti dei popoli che scompaiono cancellti dalla globalizzazione assume così un carattere perfino letterario che di rimando rende il suo lavoro anche più interessante.

Ma anche il lavoro in sé, dal punto di vista fotografico senza sapere niente dell’autore, mi ha molto fatto riflettere. Per esempio ci mette di fronte a corpi che sono davvero diversi dai nostri canoni e mostra la pochezza dei dibattiti coi quali tentiamo, fallendo, di violarli.

La seconda riflessione che facevo, però, è anche quella che, irreparabilmente, è impossibile – o non riesca a Khimushin – raccontare davvero con un solo ritratto la realtà di un popolo, che è fatta di gesti, usanze, cultura materiale, relazioni. In un solo ritratto tutto questo non entra, e anche quando il ritratto è sovraccarico di cose, come nello splendido cacciatore di aquile kazako qui sotto:


Uomo Kazako; Targyn, Bayan-Ölgii, Mongolia occidentale

Va davvero sempre in giro con l’aquila? Si veste sempre così? C’è il rischio, evidentemente, del didascalismo, come per tutti i tentativi dell’occhio dell’uomo bianco di descrivere i nativi: quello di Khimushin è certamente uno sguardo molto empatico, ma anche così ci sono dei limiti che questo tipo di lavoro non riesce a superare. Anche così, comunque, il suo articolo su Bored Panda, con trenta foto bellissime, e il suo sito molto più ampio, meritano certamente una visita.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi