Incroci

Non sapevo niente della Capra di Picasso. Ma oggi leggevo un vecchio romanzo giallo, nel quale Joe Leaphorn, ancora dolorante per la morte della moglie, si trova in una New York piovosa oh così lontana dal suo abituale New Mexico assolato, e ho trovato questo, e la capra è perfetta per tutto il racconto – la malinconia, il rimpianto, l’emozione e la testarda consapevolezza di vivere nonostante tutto – e non ho potuto fare a meno di cercarla su Google e mettere assieme le parole e le immagini.


Leaphorn passò il resto del pomeriggio ad aggirarsi per il Museo di Arte Moderna. Si sedette, infine, dove poteva vedere il patio delle sculture, il muro macchiato di pioggia al di là, e il cielo piovoso di sopra. Come tutte le persone che vivono in un paese desertico a Leaphorn piaceva la pioggia, quella rara, rinfrescante benedizione a lungo attesa che rende possibile il fiorire del deserto e la vita. Sedete con la testa piena di pensieri e guardò l’acqua scorrere giù lungo i mattoni, gocciolare dalle foglie, formare fredde pozzanghere sulle lastre di pietra e dare una finitura lucida alla capra di Picasso.

https://www.artsy.net/artwork/pablo-picasso-she-goat

La capra era la favorita di Leaphorn. Quando erano giovani e lui frequentava l’Accademia dell’FBI, aveva portato Emma a vedere New York. Avevano scoperto la capra di Picasso insieme. Lui la stava già osservando quando Emam aveva riso, e l’aveva tirato per la giacca, e aveva detto: «Guarda. La mascotte della Nazione Navajo».

Aveva una strana sensazione mentre lo ricordava, come se avesse potuto vederli entrambi come erano stati allora. Molto giovani, in piedi vicino a questa vetrata che guardava all’esterno sulla pioggia autunnale. Emma, che era ancora più bella quando rideva, stava ridendo.

«Perfetta per noi Dineh», aveva detto. «È affamata, emaciata, ossuta, orrenda. Ma vedi! È dura. Resiste». E aveva afferrato il suo braccio deliziata della sua scoperta, la sua faccia piena della gioia, e della bellezza, che Leaphorn non aveva mai trovato altrove. E naturalmente era vero. La capra emaciata sarebbe stata un simbolo perfetto. Qualcosa da mettere su un piedistallo e esibire. Miserabile e morta di fame, davvero. Ma era anche incinta e orgogliosamente resistente – esattamente perfetta per sfidare il mondo all’ingresso dell’orrenda sala riunioni ottagonale del Consiglio Tribale a Window Rock. Leaphorn ricordò che avevano preso un caffè al bar del museo e poi erano usciti accarezzando la capra. La sensazione gli ritornò ora – freddo metallo bagnato viscido sotto la sua mano – del tutto reale. Si alzò e corse fuori del museo verso la pioggia, lasciando l’ombrello a pendere dimenticato dalla sedia.

[Tony Hillerman, Ladri del tempo – A thief of time]

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi