E tante grazie

La prima volta che l’ho notato è stato quando ho chiesto consigli per i brani jazz  da ascoltare. Come ricorderete, avevo chiesto suggerimenti di brani jazz importanti, imprescindibili, da ascoltare e sperimentare e portarmi in giro. Fra i tanti consigli ricevuti c’era anche una risposta che diceva, più o meno:

Non devi fare così. Devi ascoltare tanto jazz e poi, man mano, ti farai il tuo gusto.

Che è una risposta un po’, come dire, tante grazie. Benintenzionata, per carità, però non è quello che ho chiesto, no? E poi è diverso se tu mi dici, guarda, questi sono i brani imprescindibili per me, poi certo, magari qualcuno a te piacerà più di altri. Invece no: devi fare così e cosà. In realtà questa era ancora una risposta gentile, o interessata, o almeno genericamente utile: un buon consiglio, tutto sommato, solo non pertinente; io ti ho chiesto pere, tu mi rispondi mele.

Però da allora ci sono stato attento, e noto su Facebook una  quantità spropositata di risposte non pertinenti.

No, non come quelle tipo e i marò? oppure e allora il PD?

Risposte fuori tema, nelle quali quello che sembra rilevante è l’ego dell’interlocutore.

Facciamo un esempio inventato, per proteggere gli innocenti.

Roberto: Ciao ragazzi, devo portare i ragazzini a vedere l’ultimo film Disney allo spettacolo delle 18 (in modo da essere poi a casa per cena dai nonni che li hanno invitati)  e vorrei andare al Cinema Popolarissimo nel Quartiere Molto Trafficato. Per quelli dei miei amici che abitano in quella zona, secondo voi a quell’ora trovo parcheggio o mi conviene andare al Cinema Sperduto del Quartiere Senzanome, all’altro estremo della città?

Luigi: Guarda, da quando ho Netflix non sento più la necessità di andare al cinema.

E tante grazie.

Mario: la Disney ormai è inguardabile, fa sempre lo stesso film.

E tante grazie (2).

Piero: Guarda, devi considerare i vari flussi di traffico e poi decidere. Al Quartiere Senzanome trovi parcheggio di sicuro, in centro è più difficile ma non impossibile.

Ecco, questo mi fa andare fuori di testa: c’è un sacco di gente che ti risponde ripetendo esattamente il ragionamento che hai fatto, come se tu la domanda l’avessi fatta a caso. Per fortuna non aggiunge anche: prova a chiedere a qualcuno su Facebook, che sarebbe l’inizio di un loop interessantissimo.

Sandra: Peccato, la settimana scorsa c’era un film di Miyazaki bellissimo.

E si, va bene, però io chiedevo un’altra cosa.

Giovanni: Vai a piedi, da casa tua sono solo sei chilometri. Ah-ah.

Ah-ah.

Luisa: Io ho Prime e mi trovo bene. 

E qui sei anche oltre il e tante grazie.

Misteri dell’era digitale.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi