Ragazze che muoiono bruciate sotto chiave l’otto marzo. Nel 2017

Mi ha molto colpito, stamattina, leggere su Il sismografo la notizia che in un ostello in Guatemala lo scorso otto marzo sono morte trentacinque ragazzine minorenni in un incendio.

Tutti sapete che probabilmente il famoso incendio in una fabbrica americana da cui avrebbe preso origine la festa della donna è probabilmente un’invenzione storica, ma questo è vero.

E i particolari sono significativi.

Una struttura, alla periferia della capitale guatemalteca, gestito dal ministero degli affari sociali.

Destinata a ospitare circa cinquecento persone, ve ne stavano stipate più di ottocento.

E le persone ospitate erano un mix esplosivo: minori con problemi di disabilità, orfani e ragazzi e ragazze in stato di abbandono, vittime di abusi familiari, vittime di tratta, ragazze madri… e contemporaneamente minori con alle spalle una storia di criminalità, per quanto minore, e quindi affidati ai servizi sociali o posti in stato di semireclusione.

Un mix esplosivo in una casa sovraffollata per la quale, come per tante altre, il governo non stanzia fondi a sufficienza.

Una casa dickensiana nella quale ragazzi denutriti e maltrattati sono tiranneggiati e abusati dai ragazzi più grandi  e probabilmente dal personale. Ovviamente le ragazze sono le più deboli della situazione, e quindi le più abusate: la casa ha una lunga storia di violenze sessuali.

Malnutrizione. Maltrattamenti. Violenze. Stupri.

Il sette marzo un gruppo di ragazze inscena una rissa in mensa per distrarre le guardie e tentare la fuga.

L’ultima volta che un gruppo consistente di “ospiti” è riuscito a fuggire il direttore della casa è stato licenziato. Quindi l’attuale e il personale reagiscono con durezza, neanche dovessero reprimere una rivolta carceraria. Interviene la polizia in stato antisommossa e, nell’arco della giornata, la rivolta è spenta e la maggior parte delle ragazze ricatturate.

Per punizione vengono stipate tutte insieme in un dormitorio. A quanto pare nella notte gli ospiti maschi riescono comunque ad avere accesso. Una parte delle ragazze per evitare violenze, scappa sui tetti. Altre, chiuse in più di cinquanta in una stanzetta di pochi metri quadri, essendo l’otto marzo decide di inscenare una nuova manifestazione. Per protesta qualcuna dà fuoco ai materassi. Il personale e la polizia, all’esterno, pensano a un nuovo trucco e reagiscono con lentezza.

Il resto fa dolore immaginarlo.

Facebook Comments

Un pensiero su “Ragazze che muoiono bruciate sotto chiave l’otto marzo. Nel 2017

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi