L’ottimista e il pessimista

Una delle letture più stimolanti che potete fare in questo momento è l’annuale dibattito fra Bruce Sterling e Jon Lebkowsky sullo “stato del mondo” 2017, ospitato da The Well.
Lo so che lo consiglio ogni anno, ma quest’anno lo trovo particolarmente interessante e ho deciso di mettermi di buzzo buono per convincerci a leggerlo.Prima le cattive notizie. Funziona così: Lebkowski (uno dei padri del mediattivismo) inizia il dibattito con una affermazione, che quest’anno è tutta centrata sul concetto di diseguaglianza globale (meglio: globalizzata), a partire da un articolo di Stephen Hawking sul Guardian.

Bruce Sterling

Come su un forum, Sterling (uno dei più importanti scrittori di fantascienza dell’ultimo quarto del secolo scorso) risponde. E si va avanti con altri interventi, talvolta con l’inserimento di commenti e domande da parte dei frequentatori di The Well e della redazione. È tutto in inglese, tutto testo, non c’è grafica e il discorso è ondivago. Una cosa incredibilmente preistorica.

Jon Lebkowski

E dura quindici giorni: è iniziato il 30 dicembre e siamo già oltre le cinque pagine.

Migliaia di caratteri.

Quindi non una passeggiata. Però è interessantissimo, sia per le opinioni espresse in sé sia come carotaggio di quel che si agita dentro un certo tipo di intellettualità americana, indipendente dai – o meglio: in rapporto dialogico coi –  media mainstream e soprattutto autonoma rispetto a una serie di sistemi di pensiero dominanti.

Il che non vuol dire, naturalmente, che sia tutto oro quel che luccica, che si debba essere d’accordo per forza o che Sterling, che facilmente tende al tono profetico, sia un oracolo. Tutt’altro: anzi direi che per molti aspetti non ci azzecca mai, nel dettaglio. Dove è interessante è nella capacità di cogliere e distillare il sentimento del tempo e rilanciarlo in maniere inaspettate.

Sto ancora nuotando attraverso le pagine e pagine, ma per il momento registro:

  • un curioso sentimento di ripiegamento su se stessi, sulla propria salvaguardia personale, di fronte a un sentimento attuale di incertezza e, vivaddio, di pericolo. Ricordo che una decina di anni fa Enrico Euli mi disse: «Nei prossimi quindici anni sarà importante sopravvivere, proprio nel senso di riuscire a sopravvivere fisicamente», ed è un sentimento che ritorna spesso, nel dibattito, assieme, evidentemente, al discorso di tenere da conto ciò che si ha, ciò che si è, le relazioni, il proprio piccolo mondo;
  • una accurata disamina del perché Donald Trump è migliore di tutti gli altri presidenti repubblicani possibili;
  • una accurata disanima di Donald Trump e di chi ci rimetterà dalla sua presidenza (risposta: i suoi colleghi di governo);
  • la morte dell’ambasciatore russo in Turchia come paradigma col quale guardare al mondo;perché le cinque aziende tecnologiche mondiali (Apple, Google, Microsoft, Facebook e Amazon) non riescono a conquistare il mondo e (forse) mai ci riusciranno – per non parlare di Samsung, Intel, Huawei… ;
  • perché essere contenti che Putin è vivo;
  • un ricorrente senso di morte: se Putin morisse, se Trump morisse, se Zuckerberg morisse… e una estrema personalizzazione della visione del mondo: il mondo senza Putin, Trump, Zuckerberg, come se attorno a loro ci fosse il vuoto;
  • del come e perché l’Internet è morta;
  • tecnologia, tecnologia, tecnologia e le nostre vite;
  • la cooperazione e le strutture aziendali gerarchiche;
  • …e molto altro.

Mi pare che ce ne sia abbastanza!

P.S. L’ottimista e il pessimista del titolo sono, per loro ammissione, Lebkowski e Sterling rispettivamente, anche se le due posizioni si scambiano più volte.

Facebook Comments

Un pensiero riguardo “L’ottimista e il pessimista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi