Dispiacere

Stamattina mi sveglio con la notizia di decine di morti a Istanbul.

Non so come dire senza essere retorico: mi dispiace molto. Davvero tanto.

E non voglio unirmi al coro di altre volte, il coro di quelli che dicono: per Parigi tanta emozione, e invece adesso…, ma vedo che l’emozione che provo non sembra permeare i miei amici e contatti. Non è obbligo, ovviamente, e cominciamo a essere tutti anestetizzati, ma io, che altre volte mi sono ben guardato dal Je suis Charlie, lo volevo dire, che mi dispiace.Istanbul

Forse Hikmet non è proprio il poeta più in sintonia con l’attuale regime turco e forse anche con la cultura turca attuale, ma è quello che avevo. E poi è lui che ha scritto: La nostra terra, la Turchia / è un bel paese / tra gli altri paesi / e i suoi uomini / quelli di buona lega / sono lavoratori / pensosi e coraggiosi.

Così, insomma, stamattina mi è venuto in mente l’anziano poeta turco in prigione e sofferente:

Angina pectoris

di Nazım Hikmet

Se qui c’è la metà del mio cuore, dottore,
l’altra metà sta in Cina
nella lunga marcia verso il Fiume Giallo.
E poi ogni mattina, dottore,
ogni mattina all’alba
il mio cuore lo fucilano in Grecia.
E poi, quando i prigionieri cadono nel sonno
quando gli ultimi passi si allontanano
dall’infermeria
il mio cuore se ne va, dottore,
se ne va in una vecchia casa di legno, a Istanbul.
E poi sono dieci anni, dottore,
che non ho niente in mano da offrire al mio popolo
niente altro che una mela
una mela rossa, il mio cuore.
È per tutto questo, dottore,
e non per l’arteriosclerosi, per la nicotina, per la prigione,
che ho quest’angina pectoris.
Guardo la notte attraverso le sbarre
e malgrado tutti questi muri
che mi pesano sul petto
il mio cuore batte con la stella più lontana.

Facebook Comments

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi