Quel che sapeva Maisie

Quel che sapeva Maisie (What Maisie knew, David Siegel e Scott McGehee, USA 2012)

La storia di una figlia contesa fra due genitori in seguito al fallimento del loro matrimonio è stata ormai vista al cinema più e più volte. Quel che sapeva Maisie affronta però il tema con un paio di sfumature impreviste che catturano lo spettatore: intanto il fatto che oltre un certo punto la competizione acquisti un carattere rocambolesco e paradossale – cerco di non svelare troppo della trama – e poi il fatto che il triangolo papà-bambina-mamma si allarghi a includere i nuovi compagni dei due genitori in un reticolo di relazioni complicate e di (garbati) colpi di scena. Tutto molto pacato, per carità, al ritmo di minuetto: a ogni giro le posizioni relative degli adulti fra loro e nei confronti della bambina fanno un passo di lato e questo è sufficiente a mantenere interessato lo spettatore (e, spesso, a fargli scuotere la testa con compatimento).

Il ritmo (o la sua assenza) è, d’altra parte, un ulteriore elemento di interesse del film: perché il punto di vista è uniformemente quello della bambina e i tempi enormemente dilatati servono efficacemente a riprodurne il modo di vivere la situazione e i movimenti psicologici interiori, così diversi da quelli degli adulti – più volte si ha l’impressione che i tempi oggettivi degli eventi non corrispondano ai tempi del racconto, che sono invece accelerati o più spesso rallentati per dare conto del modo con cui la piccola li vive. È una scelta stilistica e narrativa molto interessante anche se la mano della coppia di registi, peraltro, è forse appena troppo pesante, e a me a un certo punto il film ha stancato: peraltro l’abbiamo visto in gruppo e io sono stato l’unico a soffrire, quindi forse è un problema mio.

Bravi tutti gli attori: se è chiaro che Julianne Moore (una stella del rock  in declino) non fa notizia, a me sono piaciuti soprattutto i due giovani, Alexander Skarsgård e Joanna Vanderham.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi