Giochi che dicono qualcosa

Il tema dell’uso del gioco come strumento educativo o per esprimere opinioni è stato dibattuto in molte forme (anche su questo blog). Trovo oggi un breve articolo che riferisce del lavoro su questo tema che fa Brenda Brathwaite Romero, un’artista e inventrice di giochi, un lavoro che mi pare interessante e un articolo che offre molti spunti di riflessione. L‘articolo originale è stato pubblicato su Wired, da cui prendo anche la foto.

Giocare questo gioco di società è dolorosissimo. È fatto così apposta

di Chris Baker

trains brenda romeroAll’inizio il gioco da tavolo Trains [cioè Treni, NdRufus] sembra abbastanza banale: i giocatori devono riempire una carrozza ferroviaria piena zeppa di pedine e farla viaggiare fino all’altro lato del tavoliere. Ben presto, però, essi scoprono che le destinazioni sono campi di concentramento e le pedine ebrei. L’ultima pagina delle regole è addirittura stilata su una vecchia macchina da scrivere nazista. Non è proprio come Coloni di Catan.

Trains non è qualcosa che si trova sugli scaffali dei negozi. È un pezzo unico scrupolosamente dipinto a mano e testato nell’arco di diversi anni da una veterana dell’invenzione di giochi, Brenda Romero. Ha costruito Trains nel 2009 come parte del suo progetto La meccanica è il messaggio, che descrive alcuni dei momenti più bui della storia. «I giochi ci possono portare dentro gli argomenti; ci possono rendere partecipanti», dice Romero, che dirige il programma di laurea magistrale sui giochi e i mezzi di comunicazione giocabili all’Università della California a Santa Cruz. «Ma gli inventori di giochi possono davvero catturare difficili emozioni nello stesso modo con cui lo fanno la musica e il cinema e la fotografia? Non in un istante, ma nelle stesse meccaniche [di gioco, NdRufus]?». La maggior parte dei giocatori delle partite di prova hanno scelto di smettere di giocare dopo la scoperta. Alcuni hanno provato a liberare le pedine del gioco. Molti hanno pianto.

Altri giochi della serie di Romero affrontano argomenti altrettanto difficili. The New World [Il mondo nuovo, NdRufus] pone i giocatori nei panni nella posizione di mercanti di schiavi che tentano di superare la tratta di mezzo [la parte di viaggio dei mercantili che trasportavano gli schiavi che andava dall’Africa all’America, NdRufus]. Il prossimo One falls for each of us [Uno cade per ciascuno di noi, NdRufus] rimette in scena la Pista delle lacrime [il riferimento è al trasferimento forzato dei nativi americani dalle terre che legittimamente occupavano negli anni ’30 del XIX secolo, NdRufus] con 50 000 pedine dipinte a mano che rappresentano i nativi americani forzati a intraprendere la marcia della morte nel 1800 (Romero ne ha dipinto 30 000 sinora: insiste a fare tutto da sola). «Sentiamo parlare del numero folle di persone coinvolte, ma è difficile da visualizzare», dice. «Le persone mi dicono: «Perché non hai una pedina che rappresenta dieci persone?», no, fanculo, lo devi vedere com’era veramente». Spostare i pezzi di gioco sarà infinitamente più difficile che far transitare una pedina di ferro oltre Parco della Vittoria, ed è questo il punto.

Qui finisce l’articolo. Per chi vuole approfondire e parla l’inglese, questa è una conferenza di Brenda Romano (qui riferita come Brenda Brathwaite, il nome da nubile) in cui presenta One falls for each of us e che ho trovato su Youtube:

Facebook Comments

3 pensieri riguardo “Giochi che dicono qualcosa

  • 08/01/2014 in 18:00
    Permalink

    Ringrazio molto Francesco Rugerfred Sedda per avermi segnalato una quantità di refusi nell’articolo. A Francesco devo anche l’indicazione di un talk di Brenda Brathwaite su TED dedicato a The New World che posterò appena scopro come… perdonate il neologismo, embeddarlo.

    Risposta
  • 08/01/2014 in 20:58
    Permalink

    Una cosa che potrebbe essere completamente sbagliata e fuori luogo, ma è un pensiero che mi viene in mente; inoltre mi sono documentato solo attraverso Wikipedia, e non sono neppure sicuro di interpretare in maniera corretta l’espressione “legittimamente occupavano”.

    Il pensiero è questo: che dichiarare qualcosa “legittimo” e’ un passo che rende poi piu’ semplice dichiararlo “illegittimo” e quindi eliminarlo.

    Ma magari sragiono.

    Risposta
    • 09/01/2014 in 00:49
      Permalink

      No, io credo di avere capito e posso anche essere d’accordo.

      Risposta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi