Colonialismo e tatuaggi

Dalla rivista Huck la segnalazione di un lavoro davvero eccellente fatto dal fotografo Jono Rotman, che ha documentato la vita interna della gang più diffusa in Nuova Zelanda (altro che i peggiori bar di Caracas).

Pensiamo alla Nuova Zelanda come a quel posto dove ci sono le montagne del Signore degli Anelli e gente che va forte in barca a vela, e invece la lettura apre a dimensioni inaspettate, come  il colonialismo e il razzismo, l’oppressione della minoranza Maori e l’esistenza, in questo posto non-così-idilliaco, di motociclisti tatuati e molto, molto cattivi.

Ah, e in questo momento sulla homepage di Huck ci sono almeno altri tre articoli molto interessanti, quindi sentitevi liberi di esplorare!

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi