Incentivi alla didattica al chioschetto del caffè

Ieri mattina al chioschetto del caffè davanti all’ufficio ho notato un capannello di studenti che parlavano fra loro, tutti, in un ottimo inglese.

«Vedi», mi son detto, «i luoghi comuni che si dicono non sono corretti: il cattivo studio delle lingue, l’arretratezza degli studenti italiani, la chiusura verso l’estero, blah e blah: e invece eccoli qui, degli studenti normalissimi che mostrano una ammirevole padronanza della lingua di Shakespeare e Milton. Vedi che gli sforzi profusi dalle strutture universitarie danno frutto?».

Centro linguistico di ateneoVa fatto notare, in vista di una replicabilità del modello, che le ottime prestazioni degli studenti citati potevano essere legate al fatto che nel caso specifico l’inglese gli serviva per conversare con una ragazza palesemente straniera, forse una studentessa Erasmus, alta e bionda, e che la conversazione avesse per oggetto i dubbi di lei sul fatto che la sua minigonna fosse troppo corta.

Noooo!

Are you joking!?

It’s just fine!

Perfect!!

Compliments you nicely!

And I like the colour, too.

Think I’ve seen you on Facebook.

By the way, what’s your mobile phone contact?

Facebook Comments

3 pensieri riguardo “Incentivi alla didattica al chioschetto del caffè

  • 08/05/2015 in 10:54
    Permalink

    A sentire il mio amico G. a volte perfino questa motivazione è insufficiente. La volta famosa che avevamo portato le norvegesi alla festa dei goliardi non erano state assediate come ci aspettavamo. Secondo G. la ragione era che i ragazzi si avvicinavano, scoprivano che dovevano parlare in inglese, e si allontanavano.

    Risposta
    • 08/05/2015 in 17:10
      Permalink

      Sfugge comunque il motivo per il quale voi, potendo godere in solitudine della compagnia delle norvegesi, le portaste dai goliardi anziché in luoghi più romantici atti al corteggiamento privato, no?

      Risposta
  • 08/05/2015 in 23:46
    Permalink

    I goliardi eravamo noi! Portarle alla festa era una dimostrazione di potenza almeno ai nostri occhi.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi