Il giardino dei giochi (non proibiti)

Il mio amico Alberto Pintus ha pubblicato su Facebook una foto molto suggestiva, facendo notare, giustamente, che si tratta di un’idea molto bella:Giardino degli Scacchi Firenze

Ho fatto una rapida ricerca via web e ho visto che la cosa è stata realizzata a Firenze e chiamata, appropriatamente, Il giardino degli scacchi (c’è una discreta spiegazione sul sito Nove da Firenze).

Come giustamente fa notare Alberto, è una cosa carina, facilmente realizzabile e non particolarmente costosa (a Firenze i tre tavolini sono stati donati da un privato, ma comunque non sono operazioni onerose).

Naturalmente il fatto che i tavolini ci siano non comporta, automaticamente, che vengano anche usati: su questo forse Nove da Firenze è un tantino ottimistico

uno spazio con tre tavoli dotati di altrettante scacchiere per permettere agli appassionati di giocare all’aperto e di socializzare

mentre io non vedo proprio frotte di giovani e anziani appassionati darsi convegno immantinente nel nuovo arengo scacchistico, ma non è questo l’obiettivo. L’arredo urbano non è solo utilitaristico, esprime una visione della città e della persona. Non si mettono attrezzature ludiche a disposizione solo perché siano usate, ma perché si veda che ci sono: è come per le statue – non tutti capiranno i Dormienti dei Giardini Pubblici di Cagliari, ma finché sono lì qualcuno potrà notarli ed essere toccato dalla bellezza, e la città che mette un’opera d’arte in un suo giardino sta facendo un’affermazione di principio che dice che lo spazio pubblico non è fatto solo di panchine e segnali stradali. Per le attrezzature ludiche è lo stesso, il riconoscimento di un ulteriore spazio della cultura e della convivenza civile.

Fonte: Wikimedia
Fonte: Wikimedia

Considerato questo, e pensando che qualche volta qualche consigliere comunale passa da queste parti, mi permetto di suggerire che se si volesse fare qualcosa del genere a Cagliari (collocazioni a caso: la galleria della MEM, le panchine coperte del parco dell’Ex-Vetreria, il nuovo giardino sotto le mura – l’importante è che ci sia un posto di ristoro o qualcuno in servizio per custodire le pedine e fornirle a richiesta) si potrebbe usarlo per allargare la visione di chi passa verso altre genti ed altre culture, predisponendo lo spazio non solo per gli scacchi ma anche per altri giochi: istintivamente mi viene in mente la dama, ovviamente, il mulino e il backgammon per rimanere in ambito europeo, ma sarebbe l’occasione buona per protendersi oltreconfine: sapete che ho una debolezza per il go, ma sarebbe bellissimo avere un tavolo con una scacchiera per l’awele (qui sotto in una bellissima versione, dal sito jeuxdecartes)awele6

e il mondo africano e asiatico è pieno di altri bellissimi giochi di scacchiera (per farvi un’idea di quanti giochi esistano potete visitare questa pagina o naturalmente consultare Il dizionario dei giochi di Angiolino e Sidoti).

Forse io sono un appassionato, ma secondo me un giardino dei giochi di questo genere a Cagliari ci starebbe proprio bene, non trovate?

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi