Un’ardente pazienza

Assemblea FIAREQuesto scorso fine settimana sono stato a Barcellona per l’Assemblea di FIARE, i soci spagnoli di Banca Etica. Della visita alla città, l’unico posto che ho visto sinora dove un cagliaritano potrebbe sentirsi a casa, e della stessa assemblea parlerò magari un’altra volta. Oggi vi dirò che sono rimasto molto colpito dalla citazione che ha concluso l’intervento di Cristina, la presidentessa del comitato etico di FIARE, un brano di Neruda che è davvero secondo il mio cuore e che si può applicare alla Banca Etica, all’Azione Cattolica, al gruppo La Pira, all’universo e tutto quanto:

Le nostre stelle polari sono la lotta e la speranza. Ma non c’è lotta o speranza solitaria. In ogni uomo si riuniscono il passato, l’inerzia, gli errori, le passioni, le urgenze del nostro tempo, la velocità della storia. […]

Io scelsi la strada impervia di una responsabilità condivisa e, invece di confermare l’adorazione dell’individuo come il sole centrale del sistema, ho preferito dedicare con umiltà il mio servizio a un numeroso esercito che a tratti può errare, ma che procede instancabilmente e ogni giorno cammina trascinando tanto gli anacronistici recalcitranti quanto gli impazienti infatuati. Perché penso che i miei doveri di poeta mi prescrivevano non solo la fraternità con la rosa e la simmetria, con l’amore esaltato e con l’infinita nostalgia, ma anche con le ingrate fatiche umane che ho fatto mie nella poesia.

Esattamente cento anni fa un povero e splendido poeta, il più atroce dei disperati, scrisse questa profezia: «A l’aurore, armés d’une ardente patience, nous entrerons aux splendides Villes» (al tramonto, armati di un’ardente pazienza, entreremo nelle splendide città).

Io credo in questa profezia di Rimbaud, il veggente. Vengo da una remota provincia, da un paese separato da tutti gli altri a causa di una rasoiata di una geografia tagliente. Sono stato il più abbandonato dei poeti e la mia poesia è stata regionale, dolorosa e piangente. Ma ho sempre avuto fiducia nell’uomo. Non ho mai perso la speranza. Per questo forse son giunto fin qui con la mia poesia, e anche con la mia bandiera.

Per concludere devo dire agli uomini di buona volontà, ai lavoratori, ai poeti che tutto il futuro è stato espresso da questa frase di Rimbaud: solo con una ardente pazienza conquisteremo la splendida città che darà luce, giustizia e dignità a ogni uomo.

P. S. Cercando il brano sul web (Cristina l’ha solo citato ma non ha indicato la fonte – comunque l’ho ritrovato con una certa fatica nel discorso di accettazione del Nobel, a Stoccolma), ho fatto una serie di scoperte:

  • Ardente pazienza è anche il titolo originale del libro di Skármeta che è poi stato adattato ne Il postino con Troisi.
  • Nella maggioranza delle referenze in italiano trovate da Google la frase solo con una ardente pazienza conquisteremo la splendida città che darà luce, giustizia e dignità a ogni uomo è posta come conclusione della nota poesia Lentamente muore… e non si cita affatto il discorso di Stoccolma.
  • Come avete visto, la frase originaria è in realtà di Rimbaud (peraltro nei paesi francofoni, anche in occasioni importanti, è attribuita a Rimbaud la forma con cui la frase è ripresa da Neruda, tutto il mondo evidentemente è paese)…
  • … ma la cosa in fondo è poco importante, se si considera che in realtà tutta la poesia Lentamente muore… non è di Neruda, ma di Martha Medeiros!
Facebook Comments

Un pensiero riguardo “Un’ardente pazienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi