Perché io avrei fatto diversamente la terna per il Presidente diocesano dell’Azione Cattolica

Giovanissimi di ACAnche se ultimamente sono molto defilato seguo sempre con interesse le vicende dell’Azione Cattolica diocesana, l’associazione nella quale mi sono formato e in cui ancora mi onoro di militare.

Pochi giorni fa è stato completamente rinnovato il Consiglio diocesano dell’AC e lunedì scorso è stata eletta la terna fra cui il Vecovo sceglierà il Presidente diocesano per il prossimo triennio. Oggi, mentre mi lavavo le mani per pranzo (vedi che penso all’AC in tutti i momenti) mi è venuto improvvisamente in mente che io avrei eletto altre tre persone, cioè avrei fatto la terna diversamente.

Non è un giudizio sulle persone che sono state elette, nel senso che non vadano bene, piuttosto è il fatto che avrei usato criteri differenti. Mi spiego: l’associazione è da tempo in crisi, la sua importanza pastorale è molto ridimensionata e la sua capacità di incidere sulle vicende politiche e sociali praticamente nulla – non voglio riaprire la pagina di ultimotriennio, dove queste cose sono state spiegate e rispiegate, ma è così, c’è poco da fare. Però ci sono delle associazioni Convegno AC Asseminiparrocchiali che mostrano vitalità, e soprattutto che dimostrano di avere un’idea di che ruolo giocare nel proprio contesto ecclesiale e sociale: San Lucifero, il Carmine di Assemini, S. Elena a Quartu (certamente altre che adesso non mi vengono in mente).

Sarebbe stato interessante inserire nella terna qualche esponente di queste parrocchie: vuol dire anche, in qualche modo, premiare i risultati, mostrare di avere capito che in queste situazioni c’è un gruppetto di responsabili parrocchiali e di soci che ha deciso di giocarsela fino in fondo e di non stare fermi ad aspettare il domani. Invece tutte e tre le persone inserite nella terna vengono da associazioni parrocchiali che, senza voler essere ingenerosi, languono da tempo o sono addirittura sull’orlo dell’estinzione. Sicuramente saranno persone con esperienza e delle doti proprie, però personalmente avrei preferito qualcuno, appunto, espressione di una maggiore vitalità associativa di base, e anche espressione di una dimensione comunitaria, non persone scelte guardando esclusivamente al profilo individuale.

Giusto il mio contributo alla discussione, eh!

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi