I coltivatori di terrore

Vedo on line un paper pubblicato da un organismo dell’Unione Europea che si occupa di studiare e combattere la radicalizzazione che conduce all’adesione all’estremismo violento. L’articolo cerca di indagare l’identità e i metodi di lavoro di coloro che procacciano reclute per le organizzazioni terroristiche, non tanto agendo come banale agenzia di contatto ma invece selezionando i possibili soggetti, coltivandoli nel tempo e infine orientandoli alla clandestinità o all’insurrezione sul campo o agli atti terroristici.

L’articolo mi pare pieno di difetti, a partire da una certa tendenza a enunciare l’ovvio, tuttavia è comunque interessantissimo, non solo per chi ragiona sull’argomento politicamente ma forse molto di più per chi se ne interessa narrativamente.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi