The Magicians’ Guild

The Magicians’ Guild inizia una trilogia fantasy abbastanza standard, con molti elementi visti in saghe maggiori: è sostanzialmente un romanzo di formazione in cui l’ingresso del lettore in un mondo fantastico va di pari passo col percorso di scoperta che un giovane fa delle proprie capacità magiche e delle possibilità che queste dischiudono.

Ci sono quindi alcuni classici del genere: la scuola di magia in cui il giovane prenderà coscienza delle sue potenzialità, prima di tutto. Se c’è una scuola ci sarà anche chi la gestisce, e quindi una Gilda dei Maghi, ci sarà chi la abita, e quindi maghi più esperti, compagni di studi, l’inevitabile tutore benigno e l’altrettanto inevitabile cast di insegnanti severi. Il contrasto con questo milieu è garantito dai quartieri poveri da cui proviene la protagonista, e qui la necessaria Gilda dei Ladri fornisce alcuni dei personaggi più interessanti.

Niente di particolare, quindi, anche se è interessante il fatto che la protagonista è una ragazzina, a segnare ancora una volta la mutazione del pubblico di riferimento del fantasy.

Una lettura piacevole in un momento in cui il genere non ha molto da offrire (almeno quanto a scelta offerta dagli scaffali delle librerie in lingua straniera in Italia). Certo la tensione drammatica è carente: il tema delle differenze sociali fra la povera protagonista e i maghi aristocratici è trattato in maniera superficiale, e mancano altri temi di fondo; così l’attenzione del lettore rimane legata puramente alle descrizioni d’ambiente e allo svilupparsi dell’intreccio, condotto peraltro con mano sicura.

Facebook Comments

Un pensiero riguardo “The Magicians’ Guild

  • 21/08/2012 in 14:27
    Permalink

    Pubblicata su Anobii a dicembre 2010. Ho poi finito la trilogia, che mi pare non rimanga alla stessa altezza, ma magari in futuro ci farò sopra una nuova recensione più argomentata 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi