Racconti di genere

Segnalo, con colpevole ritardo, la bella intervista che Femme FM ha dedicato alla mia amica e compagna di Banca Etica Elena Piseddu.

Nell’intervista Elena, per quanto sorprendentemente emozionata, fa il meritato figurone. Ho anche dato un’occhiata al resto delle puntate (casualmente non avevo mai avuto di ascoltarle): trovo la trasmissione piacevole e interessante la carrellata di figure femminili cittadine che propone alla ribalta.

Tagli editoriali come quelli di Femme FM hanno il merito di favorire quello che viene chiamata l’emersione del femminile. Danno cioè l’occasione perché sia scandagliato l’universo femminile in quanto tale: magari se si procedeva per altre categorie (che so, organizzatori di festival, oppure dirigenti di organizzazioni della società civile, o anche insegnanti di ballo) Elena non sarebbe mai stata intervistata, pur appartenendo a pieno titolo a ciascuna di queste categorie. Lo stesso accade ogni giorno a tante altre donne, saltate perché intervistare uomini è magari più facile e più ovvio. E quindi fa molto bene Radio X a proporre la trasmissione nel palinsesto.

Mentre ragionavo su questo, peraltro, riflettevo che sarebbe interessante anche una trasmissione che, con un taglio uguale e contrario, intervistasse uomini.

In questo caso, ovviamente, non è perché c’è bisogno di dare spazio a chi non ce l’ha. Più semplicemente, perché anche l’universo maschile è in mutamento e tuttavia non viene raccontato, o viene raccontato per stereotipi, oppure sembra che, siccome quando si racconta qualcosa per categorie siccome spontaneamente si procede sul maschile (avvocati, o scrittori, o musicisti sono tutti plurali maschili) allora sembra che si parli di uomini, quando in realtà si parla con uomini, e non è la stessa cosa.

Io un’idea di come si potrebbe fare una trasmissione del genere ce l’avrei. So benissimo che ci sono zilioni di obiezioni possibili a questa proposta, sia fondate che ideologiche. E tuttavia penso che sarebbe una trasmissione interessante e anche sorprendente: sono pronto a scommettere che le narrazioni di genere che ne emergerebbero sarebbero in molti casi davvero inaspettate.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi