Lasciatemi andare (bad karma)

L’autore del blog intento al lavoro

E insomma, l’altra mattina poco prima del risveglio sognavo. Stavo in un posto piacevole, con persone con cui ridevo e parlavo, ed era tutto molto bello, finché non mi sono reso conto che io sapevo che alcune delle persone con le quali mi stavo intrattenendo erano morte, cioè ero proprio sicuro, e quindi se ci stavo parlando non poteva essere nel mondo reale e quindi magari ero morto anch’io.

E allora mi sembrava che mi dovevo mettere in moto, andare da qualche parte, forse verso qualcosa tipo una porta come in Wraith: The Oblivion o un passaggio qualunque, e all’uscita dal locale o comunque là dove stato incontravo Elisabetta Arca con delle amiche e gli dicevo: «Scusate, non posso trattenermi, perché stavo parlando con questi e ho capito che loro sono morti, e adesso sento che mi chiamano da qualche parte e devo andare, scusate, lasciatemi andare, perché magari, non lo so, ma probabilmente sono morto anch’io», e glielo dicevo con quel tono di uno che un po’ lo sa e un po’ spera di no e vuole essere rassicurato, come quando ti arriva scritto di andare a ritirare una raccomandata e tu dici: «Ma cosa dici, potrà essere una multa?», e Elisabetta Arca e Beatrice Demontis – che loro però non erano morte, quindi magari io ero proprio un fantasma – allora mi dicevano: «Oh, poverino, vai, vai, vedrai, sarà bellissimo», con il tono di quando devi andare a vedere uno spettacolo e ti dicono, ah, guarda, c’è già andato il cugino di mio cognato, mi ha detto che è fantastico, anch’io volevo fare i biglietti… però dicevano anche poverino che non era molto rassicurante e io a quel punto mi sono svegliato.

E niente, spero che quelli che leggono e credono in cose come il karma, le leggi di Murphy e il fatto che la realtà sia narrativa apprezzino il coraggio ferreo nel raccontare questa cosa, che si sa che poi se la racconti è la volta buona che poi muori e infatti tutti dicono: «Poverino, e pensa che l’aveva sognato proprio pochi giorni prima…».

Agli altri che non ci credono invece si potrebbe rivolgere la domanda: ma questa Divina Commedia, unita magari a una cena non troppo leggera, non mi starà facendo male?

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi