Come battere l’algoritmo di Facebook

Vedo passare sulle bacheche di diversi miei contatti un testo che riguarda il modo di bypassare il presunto nuovo algoritmo di Facebook per evitare che ti faccia vedere sempre e solo i soliti venticinque amici.

Ora, è chiaro che è una bufala, che tra l’altro girava più o meno uguale un paio di anni fa. E in realtà, appurato che non c’è nessuna intenzione dell’algoritmo di limitarsi a farti vedere le notizie di solo venticinque persone, non c’è neanche nessun motivo per voler battere l’algoritmo: serve a selezionare, fra tutto il mare magnum di Facebook, le cose che corrispondono di più alle notizie che ci interessano, quindi è buono, l’algoritmo è tuo amico.

Però l’ambizione di avere una pagina di notizie variata e interessante, che non si focalizzi sempre e solo sugli stessi contatti più stretti o su quegli interessi e argomenti che ho seguito di più nell’ultimo periodo è ragionevole, tanto più che magari Facebook invece tende a darti più di quello che gli è sembrato che ti piaccia, e non è detto che sia davvero l’esperienza migliore.

Così mi è venuto in mente di scrivere cinque cose che secondo me migliorano l’esperienza di fruizione di Facebook senza il bisogno di condividere stupide catene di Sant’Antonio, e ve le elenco qui sotto.

  1. Catalogate i vostri contatti. Quando ne aggiungete uno inseritelo in una sottolista di amici (Aggiungi a un’altra lista) scelti secondo i vostri criteri: io per esempio negli anni ho creato Jammer, Siglientidi, Giovani e startupper, Giro Ciccu, Giro Lobina, Associazioni culturali, Berlinguer, Giro Astara, Giro Nardi, Demologi, Grillini, Michelidi, Giro Stintino, Loi-Grazietti, Scrittori, Figliocci e nipoti, Giornalisti e redazioni, Fumetti, Blogger sardisti, Giro Iole e Alberto, Radio Kalaritana, Dintorni Fabbricastorie, Janeites, Tonaresi, Dintorni Bonaria, Scuole elementari e medie, Identitari, Docenti, Colleghi di studi, Dintorni lapiriani, Giro Arca, Giro Moro, Francia, Dintorni etici, San Lucifero, Destri, Sinistri, Giro Asso, Orani, Cattolici, ARCI, Deodem, ACLI, Preti, La Pira, Ex AC, Vecchio gruppo, Dettori, IACine, GdR, Banca Etica, Università colleghi, Università studenti, Locanda, AC, Delitala, e infine Parenti. Molti miei contatti sono in diverse liste: per esempio uno può essere un Parente e anche un Delitala o un Figlioccio, e così via. A me serve perché ho contatti che poi non mi ricordo chi sono: quel simpatico ciclista è uno del giro di Banca Etica o un ex-studente? Ma è un sistema di liste che permette anche di pubblicare notizie destinate solo a un certo gruppo di contatti (io non lo faccio mai, ma si può fare ed è pure utile), e soprattutto se cliccate su quella lista vi farà vedere solo i post di quel particolare gruppo di contatti, uscendo dalla generalità dell’algoritmo senza troppa fatica (in questo momento, per esempio,  i destri parlano di ciclismo, i sinistri di vino, i fumettisti di nazionalismo e i giocatori di ruolo di cinema).
  2. Giocate con l’opzione di cambiare la visualizzazione delle notizie fra le “più importanti” (che sono quelle selezionate dall’algoritmo) con quelle “più recenti”. 
  3. Non usate assolutamente la possibilità di mettere in evidenza le notizie di qualcuno dei vostri contatti prima di tutti gli altri, perché poi quelli ruberanno gli spazi. Viceversa, usate la funzione (e quella speculare di nascondere i post di alcuni) se volete restringere e selezionare il campo di quel che vedrete.
  4. Non chiedete agli altri di mettere Mi piace e commentare sulla vostra bacheca, come suggerisce la bufala dalla quale siamo partiti. Invece fatelo voi sulle loro notizie, soprattutto se sono persone con le quali non interagite da un po’: likeclic, commenti e condivisioni sono segnali che l’algoritmo capta, e questo è particolarmente importante per le pagine, le cui notizie sono disincentivate dal nuovo sistema. A proposito di pagine: non è facilissimo trovare la funzione per gestire le preferenze per la gerarchia delle notizie delle pagine che ci piacciono, e la nuova visualizzazione costringe a entrare in ogni pagina per modificarla, però è un lavoro che ogni tanto va fatto se ci sono pagine troppo attive (cliccate su “Pagina seguita” per modificare le preferenze): io peraltro in tutti gli altri casi lascio il default.
  5. Iscrivetevi a un po’ di gruppi. Quando vi iscrivete gestite le preferenze, per esempio se vedete che sono gruppi troppo attivi scegliete di vedere solo le notizie in primo piano, ma poi visitateli, interagite e magari fatevi un paio di amici là dentro: avrete delle finestre su mondi diversi dalla vostra abituale lista di amici.
Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi