Altro che Accademia della Crusca

Grazie alla segnalazione di Mashable e Motherboard ho scoperto che la National Security Agency, oltre a controllare i telefoni di mezzo mondo, ha un suo bollettino interno e in questo bollettino interno ha una rubrica dedicata alla grammatica, probabilmente al fine di permettere all’agente segreto di redigere i propri rapporti in un inglese corretto e inappuntabile (sulla inappuntabilità di quello che veniva riportato, naturalmente si può discutere).

Il che, naturalmente, può sembrare un po’ strano, come se si scoprisse che l’Accademia della Crusca è sotto il controllo della P-5, ecco (naturalmente, in un blog che recensisce Illuminati, magari ci sono lettori che davvero credono che l’Accademia della Crusca sia sotto il controlli dei Signori Oscuri, ma questo è un altro discorso).

Comunque, anche le spie hanno i loro dubbi grammaticali, e la lettura degli originali è abbastanza divertente, non solo per ch studia inglese e trova una serie di dubbi dal vero dei madrelingua rispetto al proprio modo di parlare e di scrivere, dubbi talvolta clamorosi (whose o who’s? Send it to X and me o Send it to X and I? effect oppure affect?) ma talvolta utili anche al lettore italiano  (quali parole in un titolo vanno maiuscole?), ma anche come modo di sbirciare dentro una organizzazione e scoprire che, per quanto particolare, ci sono delle cose che sono uguali dappertutto (sono l’ultimo arrivato, come faccio a correggere un errore sulla modulistica che si è sempre usata? o come correggere il capo che ha un modo di dire abituale profondamente sbagliato?) o che sono davvero peculiari (il fatto, ripetutamente deprecato, che tanti siano ex-militari e si portino dietro modi di dire e di scrivere poco eleganti). E poi naturalmente si scoprono abbondanti tic e fissazioni, citazioni di Frank Zappa e Alanis Morrisette e una serie di altri riferimenti alla cultura americana contemporanea, talvolta inaspettati.

Ah, e non ho ancora incominciato a leggere la rubrica di etica della NSa: mi aspetto grandi cose!

Facebook Comments

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close