Nel gorgo di Mantinea

Ci sono frasi di cose studiate da ragazzi che rimangono impresse, chissà perché. Per esempio io ricordo che nel mio libro di storia del ginnasio compariva l’espressione: «… nel gorgo di Mantinea…».

La storia greca antica non è esattamente il mio forte, ma Mantinea mi è rimasta impressa: l’Ultima Battaglia, una sorta di mischia selvaggia del tutti contro tutti, in cui la massa di odi reciproci fra le polis trova definitivamente sfogo e tutti si annullano l’uno con l’altro, nel quale l’ultima leadership possibile della Grecia cade sul campo – anche fisicamente, con la morte di Epaminonda – e il fiume della storia greca si inabissa nel gorgo per poi riemergere, più avanti, nella forma di un impetuoso torrente macedone.

O così ci insegnavano al ginnasio: a oggi qualcosa ancora mi torna, qualche altra interpretazione forse era un po’ romantica, ma questo è nelle cose. E in ogni caso nel gorgo di Mantinea  mi è rimasto impresso.

E l’espressione mi è tornata in mente, nel fine settimana, quando a Milano un sindaco si autosospende e a Roma l’altra sindaca vacilla, quando il Movimento Cinque Stelle si spacca e all’Assemblea del PD Giachetti manda a fare in culo Speranza.

Se Sparta piange Atene non ride, avrebbe detto il mio libro del ginnasio.

E niente, apparentemente anche in Italia le ultime leadership possibili cadono sul campo.

Del resto non è cosa solo della politica nazionale. All’Università, dove lavoro, nel gorgo delle Progressioni Economiche Orizzontali affonda la fiducia nelle organizzazioni sindacali e i rapporti fra colleghi. Basta un attimo e zac!, storie di anni si inabissano negli odi civili.

Siamo circondati da gorghi da ogni parte, direi.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi