La perplessità del cuore

Varrà davvero la pena di parlare (e soprattutto di leggere) di Vittorio Alfieri e del Saul? Un’opera fuori del nostro tempo, probabilmente, eppure con un taglio inaspettatamente moderno.Vittorio Alfieri

Saul – Vittorio Alfieri

Metto in linea oggi la puntata di Oggi parliamo di libri dedicata al Saul di Vittorio Alfieri, che prosegue il quartetto di trasmissioni dedicate alle tragedie fra il Seicento e il primo Ottocento: Corneille, Racine, Alfieri e, prossimamente, Manzoni.

Mia madre, che come sapete è la mia prima ascoltatrice, sostiene che quest’anno parlo di cose che non legge nessuno. Può essere vero, anche se in realtà in un paese nel quale già si legge poco davvero nessuno legge teatro: Shakespeare sarà certo più noto ma, complessivamente, quanti lettori in più avrà di Alfieri? Lettori, attenzione, non spettatori.

Ecco.

Naturalmente non è questo il problema; quel che ci si deve chiedere è se vale la pena di leggerlo. Non è poco lo sforzo richiesto dall’inoltrarsi negli endecasillabi di Alfieri, che un po’ al lettore ingenuo come me sanno di stanca riproposizione dell’Ariosto senza l’energia e la vivacità di quello e senza neppure il sostegno dell’ottava rima: è uno sforzo rilevante che rende spregiudicato il mio suggerimento di adattare l’opera a una recita oratoriana – beh, un pochino spregiudicato, dai.

Uhm, ho dato un’occhiata su Google al tipo di teatro che si in parrocchia di questi tempi. Ok, il mio è un invito molto spregiudicato.

A rendere affascinante l’opera d’altra parte non aiuta neanche la trama : manca un cattivo vero – Abner non è certo Iago – e manca un incedere delle vicende che rapisca lo spettatore, Micol e Gionata sono troppo monodimensionali per suscitare la commozione necessaria e tutti i personaggi troppo portati alla declamazione: è un closet drama, del resto, e questo si sente fin troppo.

E allora perché il Saul?

Per due motivi, che ho trovato nel commento stesso di Alfieri alla sua tragedia e che pertanto vi riporto nelle parole dell’autore in persona:

In questa tragedia l’autore ha sviluppata, e spinta assai più oltre che nell’altre sue, quella perplessità del cuore umano, così magica per l’effetto; per cui un uomo appassionato di due passioni fra loro contrarie, a vicenda vuole e disvuole una cosa stessa. Questa perplessità è uno dei maggiori segreti per generar commozione e sospensione in teatro. L’autore, forse per la natura sua poco perplessa, non intendeva questa parte nelle prime sue tragedie, e non abbastanza ha saputo valersene nelle seguenti, fino a questa, in cui l’ha adoprata per quanto era possibile in lui.

Si sente in Saul questa perplessità, che è ambiguità e ambivalenza e un’ampia gamma di sfumature psicologiche che rendono il personaggio (e i suoi dialoghi) meritevole di essere letto e riletto – anche Abner è perplesso, d’altra parte. E Alfieri, con quella sua autoironia

L’autore, forse per la natura sua poco perplessa

mi è subito diventato simpatico.

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi