Io non la compro

Ricorderete che al momento dell’ultima chiusura ho raccontato del rapporto di affetto che mi ha legato per tanto tempo a L’Unità.

Il giornale è rientrato in edicola in questi giorni. Leggo che Renzi ha dichiarato: «Ho chiesto che l’Unità sia uno spazio di libertà, di confronto, di discussione» (l’enfasi è mia).

Dev’essere per questo volontà di pluralismo politico che nel momento in cui scrivo l’apertura del sito del giornale presenta Renzi negli inaspettati panni del deus ex machina nella crisi greca, notizia assente sui siti di tutti gli altri principali quotidiani.

Renzi a Berlino
E passiamo sopra a quel mission all’inglese

Uno scoop. Toni sobri, poi, come si vede. Cose che ricordano, chissà perché, Berlusconi che si propone come mediatore sulla crisi ucraina. Poi speriamo che vada bene, per carità (soprattutto per i Greci), ma insomma: sembra un po’ roba più da megafono di partito che da luogo libero di dibattito.

Anche perché la prima pagina del giornale cartaceo di oggi, ho visto in edicola, presenta il titolo: «Riapre la scuola. Entrano gli operai», per annunciare un piano di opere pubbliche del Governo.

Scuola UnitàAnche questo devo dire che ricorda un po’ la comunicazione berlusconiana (c’erano dei famosi spot intitolati Fatto!). Peraltro qualcun altro, forse Prodi o D’Alema, aveva fatto degli altri spot con Lino Banfi sulle politiche per la famiglia che pure quelli facevano abbastanza impressione. Siamo in una buona linea di continuità, parrebbe.

E poi c’è la campagna appena lanciata, Antimafia Capitale. Raccontare la Roma buona, pulita, dei volontari, dei cittadini, delle associazioni. Cosa buonissima, anzi ottima, per carità, ma non è che siccome ci sono loro allora non è vero che c’era (c’è) a Roma un malaffare diffuso in cui erano coinvolti anche pezzi del PD. E nella mappa dell’antimafia probabilmente non sarà semplice mettere i circoli del PD, visto il rapporto steso da Fabrizio Barca sullo stato del partito a Roma (circa metà delle sezioni rientrano nella tipologia “il potere per il potere”, e sono quelle che hanno la dinamica di tesseramento di gran lunga migliore). E Mafia Capitale ha messo in crisi esattamente la retorica del volontariato “buono” contrapposto alla malasocietà “cattiva”, quindi: di cosa stiamo parlando?
Antimafia capitaleInsomma: enfasi sul ruolo internazionale di Renzi, sulla scuola e su Roma Capitale. Che sarebbero esattamente in questo momento i punti di debolezza del PD: coprirli in questo modo è un’operazione di comunicazione intelligente… per un house organ o per operazioni di comunicazioni mirate tipo quelle che fa Ricci a Striscia la notizia. Almeno quelli, però, qualche rara volta fanno ridere. E il pluralismo c’entra poco.

A completare il quadro, vedo che il nuovo direttore del giornale si iscrive direttamente al derby fra i “gufi” e  l’ottimismo renziano del fare

tra paure e allarmi e dall’altra parte speranza, coraggio e futuro noi spingeremo sul secondo elemento

e io francamente ne avrei abbastanza di questo modo di argomentare, e quindi qui lo dico: io questa Unità davvero non la compro.

Se ne faranno rapidamente una ragione, lo so. Già me lo vedo, Renzi: «Roberto Sedda chi?», e non essendo io Fassina, c’avrebbe pure ragione, c’avrebbe.

Del resto si sa, quelli che lanciano allarmi a vanvera hanno sempre torto.

Certo, come no.Mose Venezia

Attendiamo un articolo dell’Unità sul Mose e su quei gufi che ne parlavano male.

Facebook Comments

2 pensieri riguardo “Io non la compro

  • 01/07/2015 in 13:11
    Permalink

    Mi era sfuggito il secondo titolo del giornale di oggi, che si vede in foto: Ecomafie, aumentano i reati, ma ora c’è la legge. Per fortuna che ci ha pensato Renzi e ha fatto la legge. Ottimismo! L’Italia riparte!! Ma a legge sarebbe quella che permette l’air gun? Ooops, che fortuna che ci pensi Renzi.

    Rispondi
  • Pingback: Un bilancio onesto cercasi. E partecipato | La casa di Roberto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi