Poche parole di benvenuto

Per la comodità dei parenti e la curiosità degli amici pubblico il saluto dello zio Alberto, il decano della nostra famiglia, al raduno dei Delitala, prima di pranzo. Alberto (con la famiglia) è giunto appositamente dal Canada per partecipare.

ALIM4024Poche parole di “benvenuto”

dette da Alberto Delitala

Come decano della nostra numerosa e bella famiglia non potevo mancare a questo storico convito oranese e al suo richiamo che mi è giunto attraverso l’Atlantico.

Ringrazio quanti di voi hanno contribuito a realizzarlo ed in particolare vogliamo applaudire Alessandro Delitala, Roberto Sedda e Ferruccio Spano.

Io, come sapete, sono il fondatore del nostro ramo canadese, qui rappresentato da mia moglie, Lorisa, mio figlio Antonello e sua moglie, Vanda; rappresento anche l’altro mio figlio, Francesco, sua moglie, Cathy e quattro loro figli: Alberto, Richard, Emma e Antony.

Rappresento anche il ramo bolognese di mia sorella Elena e suo marito Alberto Corinaldesi, e tre loro figli: Giuseppe, Paolo e Andrea.

Cari cugini e nipoti, rivolgiamo insieme un pensiero riconoscente a don Bardilio e a donna Adelaide, a questa coppia straordinaria dalla quale tutti noi Delitala discendiamo.

Don Bardilio, con lo stipendio modesto dei medico condotto, ha saputo allevare bene i suoi quattro figli maschi, mandarli all’università e far sì che raggiungessero importanti posizioni nel campo della chirurgia ortopedica, della giurisprudenza, dell’arte pittorica e dell’esercito. Voglio ricordare anche zia Anita, donna equilibrata, buona e caritatevole, comare di una buona parte delle famiglie oranesi! Donna Adelaide, venuta sposa a soli 19 anni, ha saputo ben coadiuvare don Bardilio col suo buon senso e intelligente consiglio.

Abbiamo tutti ereditato, chi più chi meno, il loro carattere ed i loro cromosomi! Tutti abbiamo mantenuto una certa filosofia della vita, un certo ottimismo, un amore per la natura, la caccia, l’agricoltura e la pittura. Inoltre ci hanno trasmesso la longevità di cui io sono qui un buon rappresentante.

È probabile che anche don Bardilio avrebbe raggiunto i 100 anni se la polmonite non lo avesse colpito a 81.

Brindiamo alle nuove generazioni di nipoti augurando loro di saper mantenere alta la nostra tradizione di famiglia, nel ricordo del passato e per un brillante futuro.

Orani, 19 aprile 2015

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi