L’autore e il suo pubblico

Come molti altri ho seguito per diversi anni il blog a fumetti di Eriadan: è stata per me, come per molti altri, una lettura mattutina piacevole, appena acceso il computer, un modo per iniziare la giornata col sorriso in compagnia delle avventure quotidiane di un’altra famiglia, quella di Eriadan, cioè Paolo, Federica, le figlie e Maya.

Eriadan famigliaA me peraltro quella che piaceva di più era Zirconia, la gatta scienziata.

EriadanHo usato i verbi al passato perché il 5 novembre scorso Eriadan ha annunciato che, per problemi personali, sospendeva le pubblicazioni.

Eriadan pausaHo tenuto Eriadan in home page all’accensione del PC, ma solo qualche giorno fa ho trovato il tempo di leggere i commenti all’articolo con cui veniva annunciata la pausa. Sono una testimonianza molto toccante dell’affetto dei lettori, del loro preoccuparsi per un autore che per la maggior parte non credo abbiano mai conosciuto direttamente, il segno di un rapporto ovviamente a distanza ma molto stretto. Ne scelgo uno per tutti che esprime bene i sentimenti comuni

Eriadan comento 1e uno di quasi due mesi dopo che dimostra come col passare del tempo e il perdurare dell’interruzione la preoccupazione dei lettori non si sia spenta, ma sia al contrario aumentata, fino a un commovente (ho già usato questa parola?) desiderio di aiutare, di essere comunque vicini, di riannodare i fili

Eriadan commento 2La cosa mi ha molto colpito, non solo perché rifletteva sentimenti che erano anche i miei, ma soprattutto perché una relazione tanto forte non può che far pensare.

Nonostante occasionali litigate di epiche proporzioni il mondo dei fumetti è di solito abbastanza coeso ed esprime una solidarietà di fondo che anche i lettori percepiscono, e questo può essere parte della spiegazione. E certo Paolo è fra quegli autori che si è meritato una stima generale per la disponibilità mostrata alle fiere, per la cura amichevole dei rapporti coi lettori, la cortesia. E naturalmente è sempre stato bravo e spiritoso, e questo genera ulteriore benevolenza, però non credo spieghi tutto.

Un altro pezzo della spiegazione, naturalmente, riguarda lo specifico contenuto delle storie. Raccontare episodi quotidiani della vita di una famiglia crea certamente molta immedesimazione. Paolo Aldighieri mette in scena personaggi reali, la sua vera famiglia e non figure immaginarie, che quindi diventano familiari ai lettori: pensare che possa essere successo qualcosa alle bambine, per esempio, per forza preoccupa, dopo che praticamente ne hai seguito la crescita giorno per giorno da quando sono nate, e questo vale per uno qualunque dei personaggi delle strisce.

Credo però che ci sia ancora un altro pezzo di spiegazione, che rende questa storia molto tipica dei giorni nostri: ed è il fatto che segnala come possano crearsi rapporti molto forti e indubitabilmente autentici sulla rete.

Frequento spesso ambienti o cattolici o di sinistra nei quali si percepisce una certa disistima per le relazioni che si intrattengono sulla rete. Io ho diversi amici ai quali sono molto affezionato che non ho mai visto di persona, e altri che vedo pochissimo ma che frequento pochissimo fuori della rete. Quando lo racconto percepisco spesso la diffidenza, come a dire: «ci sarà una bella differenza» (magari non in faccia, ma ci sarà qualcuno che penserà: «esci, fatti una vita»). Non parliamo della retorica sulla “vuota” realtà virtuale, sulla indeterminatezza della rete, eccetera.

Non sono mica cose vere. E il sincero affetto dei lettori nei confronti di Eriadan, Paolo Aldighieri in carne e ossa, non un generico “autore delle strisce” evanescente, è lì a dimostrarlo.

C’è amore sulla rete.

P.S. Non avrei raccontato questa storia se il 25 gennaio Eriadan non ci avesse almeno parzialmente rassicuratoEriadan aggiornamento

La tempesta è passata. Mi sono sentito molto sollevato. Come per un amico.

Facebook Comments

10 pensieri riguardo “L’autore e il suo pubblico

  • 08/06/2015 in 00:00
    Permalink

    Paolo “eriadan” disegna in modo superbo, è spiritoso, è molto umano, sempre corretto e gentile d’animo, fa riflettere e sorridere, mettendo in luce le piccole e grandi cose di tutti i giorni. Ho letto e riletto tutte le sue strisce fin dall’inizio: è come se fosse un parente, un amico a cui si vuole bene. Inutile dire che ne sento la mancanza e che mi piacerebbe sapere che stanno tutti bene, nonostante ci abbia rassicurato che la “bufera” è passata, il suo silenzio ci continua a preoccupare.

    Risposta
  • 09/06/2015 in 14:34
    Permalink

    oggi il sito è disattivato… non c’è più… e questo non è bello 🙁

    Risposta
  • 15/06/2015 in 22:00
    Permalink

    il sito è webcomics.it e non si son perse le strisce di eriadan!

    Risposta
  • 25/06/2015 in 23:37
    Permalink

    uno che si vantava di avere questo e quello. cavoli suoi.

    Risposta
  • Pingback:Ringraziamenti annuali (i soliti, ma sinceri) | La casa di Roberto

  • Pingback:Gli Irochesi e Casapound – La casa di Roberto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi