Giornalismo cyberpunk

Il numero in edicola di Internazionale (quello estivo, doppio, dedicato al tema del viaggio) ha un lungo reportage di Laurie Penny su una bizzarra crociera nel Mediterraneo di una nave piena esclusivamente di operatori e investitori e evangelizzatori in criptovalute e accompagnatrici ucraine.

Non ci si capisce niente e il modo di descrivere le criptovalute è fanciullesco, ma è l’unico pezzo di giornalismo che abbia mai letto che è totalmente e completamente cyberpunk, non tanto nei contenuti (che pure si prestano) quanto nell’estetica e nella scrittura.

Chi volesse l’articolo in lingua originale lo trova qui. Sia che leggiate in originale che nella traduzione vi consiglio di googlare i nomi dei vari personaggi citati nell’articolo, così troverete storie dentro altre storie.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi