Piccola proposta per rendere tutto più chiaro

Sono stato nei giorni scorsi a Camaldoli all’incontro del gruppo di lavoro Economia Disarmata, da cui torno con l’idea mettere in ordine i pensieri maturati in questi due giorni raccontando della differenza fra Luigi Meneghello e Teresio Olivelli (e fra Antonio Giuriolo e Dietrich Boenhoffer) e della relazione fra insurrezione e renitenza, ma in realtà non è di questo che voglio parlare.

Ragionare di resistenza e resa lungo rivi boscosi

Il fatto è che a un certo punto è intervenuta una signora, rappresentante di un gruppo del quale non avevo mai sentito parlare, la Mamme no-Pfas, e ha raccontato una storia che non avevo mai sentito.

La quale storia più o meno fa così: sei una mamma, forse hai sentito che nella tua zona ci sono preoccupazioni per certi fatti di inquinamento ambientale e forse no, ma un giorno arriva a casa una cartolina che ti dice che la ASL ha selezionato tuo figlio per dei controlli a campione e ti vogliono fare gli esami del sangue.

E poi arrivano a casa i risultati e scopri che tuo figlio ha nel sangue questi fantomatici Pfas, che sono sostanze scarti di lavorazione di certi processi industriali, che tramite l’acqua si accumulano negli organismi biologici – cioè nella frutta, nella verdura, negli animali, e alla fine in tuo figlio, e queste sostanze interferiscono col sistema endocrino, quindi chi ne ha troppi in corpo ha il colesterolo alle stelle, si ammala di tiroide, probabilmente soffrirà di sterilità, avrà la crescita compromessa e non è escluso si ammali di tumore (o magari di Alzheimer o di Parkinson).

Nella zona rossa, quella più inquinata, vivono circa novantamila persone. In tutta l’area del possibile contagio, sono 350 000. Ma la situazione è molto peggiore: la falda acquifera, la seconda per estensione d’Europa, è compromessa e gli effetti dell’inquinamento si manterranno per diverse decine d’anni. Potenzialmente, ci saranno conseguenze per l’intero ecosistema del Po a valle del vicentino.

Paradossalmente, sono le persone con lo stile di vita più sano quelle ad avere sofferto di più: quelli che mangiavano molta frutta e verdura, bevevano l’ottima acqua locale e non quella in bottiglia, acquistavano a chilometro zero.

Tutto perché un’azienda chimica, pare, ha sversato rifiuti nel torrente dietro lo stabilimento. Per quarant’anni.

Quarant’anni.

La linea di difesa dei manager, sostanzialmente, è che lo fanno tutti. Soprattutto le aziende della concia dell’alto vicentino.

Devo dire che sentivo la storia e sbalordivo. E a un certo punto emergeva con una certa chiarezza il fatto che tra chi doveva controllare c’è stato chi sapeva e ha taciuto, stretto nell’imbarazzo del fatto che prendere atto della situazione avrebbe compromesso la prosperità della zona e, in definitiva, il nostro stile di vita e la qualità dei nostri consumi.

Cos’è, non volete più padelle antiaderenti? Piumini impermeabili?

La concia vale tre punti del PIL.

Tre punti. Si saranno chieste le mamme: e la vita di mo figlio, quanto vale?

E allora pensavo, ascoltando la storia, che bisognerebbe adottare il sistema che nei miti del Medioevo rendeva chiaro, chiarissimo a tutti, il prezzo della prosperità collettiva.

San Giorgio e il drago – Paolo Uccello [Public domain]

Si dedichi al centro di ogni capoluogo un altare al dio del PIL e si sacrifichi pubblicamente un bambino estratto a sorte all’anno, in cambio della prosperità che ci è stata concessa.

Almeno così le cose sono evidenti.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi