Città di ossa

Ho visto Città di ossa, trasposizione della prima puntata della serie Shadowhunters (e l’ho inflitto a Maria Bonaria, la quale avrebbe preferito tenersene alla larga), per due motivi: perché il libro da cui è tratto è uno dei maggiori successi del genere urban fantasyparanormal romantic che dir si voglia, e quindi volevo dare un’annusatina al tipo di storie e di trasposizione, e poi perché è uno dei libri preferito di mia nipote Michela, a parte Harry Potter, e agli zii i libri del cuore delle nipoti suscitano sempre quel certo nonsoché.

Diciamo subito che il film è abbastanza mediocre, poteva essere scorciato di una buona ventina di minuti e la trama, che mi dice Michela non è nemmeno fedele al libro, poteva essere asciugata e semplificata senza danno.

La cosa interessante però, agli occhi di un vecchio giocatore di ruolo, riguarda l’ambientazione e il linguaggio, che si caratterizzano per una estrema, come dire?, ortodossia.

Non so se avete presenti quelle centinaia di libri fantasy degli anni ’80 e ’90 in cui gli elfi erano tutti altezzosi e bellissimi, i nani ubriaconi e irritabili, gli stregoni misteriosi e così via. Si diceva che lo si faceva per rimanere nella scia di Tolkien, ma in realtà non è proprio così: più o meno consapevolmente gli scrittori aderivano a una standardizzazione del genere che non era di Tolkien direttamente ma di alcuni compilatori successivi: Bene, fra questi gli  autori di giochi di ruolo hanno fatto la parte del leone.

Nell’urban fantasy è impressionante come il genere si sia standardizzato anch’esso in pochi anni, senza nemmeno avere alla radice un colosso come Tolkien: di fatto tutti pescano dalla catalogazione fatta da Mark Rein-Hagen per il suo Mondo di tenebra, creato come ambientazione comune per una fortunata serie di giochi di ruolo. La base è sempre quella: vampiri, fantasmi, maghi e lupi mannari, caratterizzati e descritti come fatto originariamente da Rein-Hagen, tanto che mi chiedo come mai nessun produttore abbia pensato di pescare direttamente in quel materiale, piuttosto che pagare fior di diritti per i best seller derivativi della Meyer o, come in questo caso, della Cassandra Clare.

E quindi qui abbiamo l’usuale campionario di creature della notte, con l’aggiunta di demoni e cacciatori di demoni, tre oggetti magici a cui dare la caccia, stile Harry Potter, combinato con gli elementi da letteratura adolescenziale: un triangolo amoroso fra la protagonista e due pretendenti, l’amico fedele (come Jakob di Twilighht) e il tenebroso abitatore delle tenebre, che qui è un cacciatore di demoni e non un vampiro, e i rapporti conflittuali col padre e la madre. Non in sé un difetto: dalla combinazione del tema della quest e di quello del party si ottengono opere di diversissimo livello come Il signore degli anelli (ottimo), La spada di Shannara (pessimo) e il ciclo dei Belgariad (da qualche parte in mezzo) – o perfino cose che non sembrano fantasy come, poniamo, La compagnia dei Celestini. Qui il libro da cui è tratto il film mi pare di medio livello e la sua trasposizione su pellicola, come detto, mediocre.

Il cattivo livello del film dipende anche, in realtà, da una questione di linguaggio scenico e cinematografico: non c’è mai un guizzo. Tutto è già visto: non è solo che l’Accademia sembra Hogwarts, anche le scene d’azione o gli effetti speciali sono nient’altro che citazioni.

Il genere si presta, naturalmente, alle citazioni: quando in Highlander Sean Connery esibisce una katana si sta pagando omaggio alla nippofilia dilagante negli anni ’80 fra i nerd (e non solo). Ma qui che motivo ci sarà perché Lily Collins (bellissima, peraltro), quando passa da ragazza acqua e sapone a guerriera della notte, si debba vestire come la solita puttanella dark? Mai una volta che si osi, che si provi a tradurre visivamente in maniera innovativa una trama che già per conto suo è abbastanza scontata.

Facebook Comments

2 pensieri riguardo “Città di ossa

  • 12/09/2013 in 17:53
    Permalink

    Peccato per tante cose…
    peccato per la ragazza con i sopracciglioni che IO ODIO…una sorta di ken il guerriero femminile in salsa romantica…(bleurgh…)
    peccato per i soliti stereotipi che però suppongo gli adolescenti non conoscano visto che sono cresciuti con i lupi mannari ed i vampiri di twilight…
    peccato per l’ennesimo film fantasy che più che intrattenere si intrattiene ad attirare orde di fan dei libri…che puntualmente si inca**ano a morte per la pessima trasposizione…

    Potrei perfino arrivare a dire che Buffy era un serial innovativo ghghgh…

    Risposta

Rispondi a marito alla parmigiana Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito usa cookie o permette l'uso di cookie di terze parti per una vasta serie di funzionalità, senza le quali non potrebbe funzionare con altrettanta efficacia. Se prosegui nella navigazione, scorri questa pagina, clicchi sui link presenti nel sito, commenti un contenuto, condividi una pagina o un articolo, scarichi un file, visualizzi un video o utilizzi un'altra funzione presente su questo sito stai probabilmente attivando un cookie e acconsenti quindi implicitamente all'utilizzo di cookie. Per capirne di più o negare il consenso leggi la cookie policy - e le informazioni sulla osservanza della GDPR

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi